Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:29
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Un quinto della camera ha chiesto il referendum per la riforma costituzionale

Immagine di copertina

Movimento 5 stelle, Forza Italia, Lega Nord e Sinistra Italiana, per un totale di 166 deputati, hanno presentato le firme per chiedere la consultazione popolare a ottobre

Il referendum costituzionale per la riforma del senato si terrà con buona probabilità a ottobre. Era necessario che lo chiedessero almeno un quinto dei componenti di una camera. E lo hanno fatto. 

Il testo costituzionale all’articolo 138, quello sulla revisione, dice infatti che “[…] Le leggi stesse (di revisione costituzionale) sono sottoposte a referendum popolare quando, entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera o cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali. La legge sottoposta a referendum non è promulgata, se non è approvata dalla maggioranza dei voti validi. Non si fa luogo a referendum se la legge è stata approvata nella seconda votazione da ciascuna delle Camere a maggioranza di due terzi dei suoi componenti”.

Il 12 aprile la camera dei deputati aveva dato il via libera alla riforma con 367 voti a favore e 7 contrari.

Movimento 5 stelle, Forza Italia, Lega Nord e Sinistra Italiana, per un totale di 166 deputati, hanno presentato le firme per chiedere la consultazione popolare a ottobre, riferisce il quotidiano La Repubblica. Gli uffici della camera stanno adesso verificando le firme, che poi dovranno essere portate in Cassazione.

Il referendum in questione, detto costituzionale o confermativo, non necessita, ai fini della sua validità, di un quorum come succede invece per i referendum abrogativi.

I cittadini italiani dovranno quindi solo esprimersi a favore o contro la riforma costituzionale del ddl Boschi, e passerà l’opzione più votata, indipendentemente dal numero di votanti. 

Per saperne di più sulla riforma costituzionale e sui referendum della storia repubblicana visita questi link: 

LA RIFORMA COSTITUZIONALE È (QUASI) LEGGE 

LA STORIA DEI REFERENDUM IN ITALIA

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI