Covid ultime 24h
casi +20.709
deceduti +684
tamponi +207.143
terapie intensive -47

Truccati con il fondotinta per sembrare stranieri: come è finito il ridicolo piano di due rapinatori nel milanese

Di Marco Nepi
Pubblicato il 1 Mar. 2019 alle 11:30 Aggiornato il 1 Mar. 2019 alle 11:40
0
Immagine di copertina
immagine di repertorio

Viso e mani coperti di abbondante fondotinta: volevano confondere gli investigatori camuffando i propri connotati e depistando le indagini orientandole su persone dalla carnagione scura.

Questo era il goffo piano di due rapinatori fermati nel milanese.

I due uomini, italiani di 32 e 24 anni, entrambi pregiudicati, sono stati arrestati mercoledì 27 febbraio a Rescaldina, in provincia di Milano.

Avevano pianificato tutto, dal travestimento all’orario migliore per rapinare l’ufficio postale cittadino, fino al fondotinta marrone scuro per farsi passare per stranieri.

Ma i due non hanno considerato il gps sull’auto che avevano rubato, e sono stati bloccati e arrestati dai carabinieri prima ancora che varcassero l’uscio delle poste di Rescaldina.

I due maldestri malviventi sono finiti in manette per aver tentato l’assalto all’ufficio postale del piccolo comune milanese

Secondo le ricostruzioni del Carabinieri della compagnia di Legnano, i rapinatori avrebbero organizzato il colpo minuziosamente, spingendosi anche oltre il “classico” camuffamento del perfetto rapinatore, acquistando a caro prezzo un prestigioso cosmetico che cambiasse loro il colore della pelle.

Poi sono entrati in azione. La sera precedente la tentata rapina hanno rubato una Peugeot a Caronno Pertusella, continuando a spostarsi al confine tra il varesotto e il milanese per diverse ore.

Il furto dell’auto era però stato segnalato dal proprietario e la vettura era entrata nel database delle auto rubate e con essa anche il suo gps, attivato dall’assicurazione informata sempre dallo stesso proprietario.

Così l’agenzia di vigilanza assicurativa ha iniziato a seguirne gli spostamenti, fin quando intorno alle 11 la vettura non ha arrestato la sua corsa, proprio di fronte all’ufficio postale. Quando i Carabinieri hanno ricevuto la segnalazione sulla sua posizione, hanno immediatamente pensato di essere prossimi a incrociare una coppia di rapinatori e di fatto non si sono sbagliati.

Leggi anche: Rapina in villa, “Come arancia meccanica”. Coniugi seviziati dai ladri: “Vi facciamo a pezzi”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.