Covid ultime 24h
casi +13.633
deceduti +472
tamponi +264.728
terapie intensive -28

I poliziotti italiani che hanno cucinato un piatto di pasta a una coppia di anziani soli

Da giorni, i vicini sentivano pianti e rumori sospetti. Preoccupati, hanno chiamato le forze dell'ordine che si sono trovate davanti una scena commovente

Di TPI
Pubblicato il 9 Ago. 2016 alle 18:15
0
Immagine di copertina

Un piatto di spaghetti burro e parmigiano, una coppia di anziani e quattro agenti di polizia che s’improvvisano cuochi. Non è la trama di un film, ma la storia di Jole e Michele, due anziani romani rispettivamente di 84 e 94 anni, e di uno scatto pubblicato sull’account Facebook ufficiale della questura di Roma che ha fatto il giro della rete.

Non solo. La loro storia è stata ripresa perfino sui siti internazionali. 

Nella calura estiva delle ultime settimane, in una capitale invasa di turisti e svuotata di romani, la solitudine della coppia di anziani si è acuita ancora di più. 

Jole e Michele sono sposati da settantanni e hanno trascorso la loro vita nel quartiere Appio – Tuscolano, nella zona sud di Roma. Da mesi nessuno aveva fatto visita a quei due anziani e la loro solitudine è rimbombata ancora più forte. Da giorni i vicini sentivano pianti e rumori sospetti provenire dall’appartamento accanto. 

Preoccupati e credendo fosse in corso una violenta lite in famiglia hanno chiamato le forze dell’ordine. 

Gli agenti, una volta arrivati sul posto, si sono trovati davanti agli occhi una scena insolita per chi, come loro, è abituato a fare i conti quotidianamente con la criminalità. 

Nessun reato da perseguire, nessuna truffa perpetrata ai danni di anziani, ma solo la solitudine di Jole e Michele che avevano bisogno di conforto. 

In attesa dell’ambulanza che accertasse le condizioni di salute dei due coniugi, i poliziotti si sono improvvisati cuochi e hanno preparato un semplice piatto di spaghetti con burro e parmigiano. Un gesto di umanità che è diventato virale in rete. 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.