Me

Congresso +Europa, la denuncia: “Ci hanno pagato viaggio, vitto e alloggio per votare Della Vedova”

Della Vedova eletto segretario con il 55,7 per cento dei voti. Secondo Cappato con il 30,2 per cento, seguito da Fusacchia, con il 14,1 per cento. Scoppiano le polemiche per le truppe cammellate

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 28 Gen. 2019 alle 14:36 Aggiornato il 29 Gen. 2019 alle 12:18
Immagine di copertina

“È stato fantastico: mi hanno pagato pullman, vitto e alloggio per andare a votare a Milano. Mi dispiace, non mi ricordo bene il nome che mi hanno detto di votare…Forse era Della Vedova?”

A parlare a TPI.it è il signor Giovanni (metteremo solo il suo nome di battesimo per tutelarlo), 65 anni, che dal Cilento è stato portato a votare per il Congresso di +Europa tenutosi a Milano il 25, 26 e 27 gennaio.

È arrivato in pullman, insieme a altre 100 persone solo dal suo paese. Il voto non è stato esattamente consapevole. Anzi, Giovanni non ricorda neanche i nomi dei candidati presenti nelle liste e dice: “Mi sono iscritto pochi giorni fa” perché “me l’hanno chiesto e mi hanno suggerito chi andare a votare”.

Quando gli chiediamo perché abbia accettato, risponde: “Non ho mai la possibilità di fare questi viaggi, con pullman e albergo pagati, mi sono divertito. Spero che la prossima volta mi diano anche i soldi!”.

Ecco il documento audio che conferma la vicenda dei pullman partiti dal Cilento sabato 26 gennaio:

Il cittadino campano è solo una delle persone arrivate in pullman al primo grande congresso del partito +Europa, che doveva trasformarsi a Milano da cartello elettorale a soggetto politico.

Le accuse di attivisti, testimoni oculari e iscritti al partito (molto delusi dagli eventi) sono rivolte a “Centro Democratico”, il partito di Bruno Tabacci, formazione che ha aderito al progetto +Europa e che si è presentata come una delle liste in corsa per le segreteria del Congresso. Viene insinuato che il “Centro Democratico” abbia organizzato pullman di “truppe cammellate“, cioè autobus dal sud Italia di persone andate a Milano per votare in cambio di viaggio, vitto e alloggio pagati.

Il segretario Benedetto Della Vedova dice di non essere a conoscenza dell’accaduto e dichiara a TPI: “Non credo sia possibile che delle persone nel 2019 votino senza conoscere i candidati, o si vengano a fare una gita a Milano. Non penso che poche centinaia di voti abbiano potuto cambiare il corso delle elezioni. Non penso, ma se proprio è successo, si è trattato comunque di un caso marginale. Verificheremo il tutto”.

Queste persone erano facilmente individuabili davanti al Milan Marriott Hotel, il luogo dove si è tenuto il Congresso, perché erano spaesate e non avevano idea di chi stavano andando a votare ed era la prima volta che partecipavano ad un evento politico in vita loro.

Di seguito le voci di alcune di queste persone fermate fuori dal Congresso:

+Europa è la lista europeista lanciata nel febbraio 2017 e che, non riuscendo a candidarsi alle politiche dell’anno successivo per mancanza di firme, ha dovuto chiedere appoggio a “Centro Democratico” di Tabacci.

Tra le figure di spicco del partito ci sono: la senatrice Emma Bonino, il sostegno di Enrico Letta, fondatori provenienti dai Radicali come Riccardo Magi e Antonella Soldo. Leggendo le frasi del suo statuto costitutivo, è un partito che promuove trasparenza e valori di impegno politico.

Durante questo Congresso si sono palesati tre schieramenti, tre poli: quello del Centro Democratico con Della Vedova, quello dei Radicali con Marco Cappato e quello di Alessandro Fusacchia.

A guadagnarsi la nomina a segretario è stato Benedetto Della Vedova, un uomo politico che in passato ha fatto parte di Forza Italia, di Futuro e Libertà (il partito di Fini) e anche di Scelta Civica.

A uscire vincitore da questo congresso è proprio colui che aveva messo a disposizione il simbolo di Centro Democratico per ospitare i candidati della lista di Emma Bonino, Bruno Tabacci: la sua lista ha ottenuto il  33,78 per cento delle preferenze, contro il 14,98 di LSD (Libertà, Stato di diritto, Democrazia), la lista di Marco Cappato sostenuta dai Radicali.

La senatrice Emma Bonino, raggiunta telefonicamente da TPI, ha preferito non commentare l’accaduto.

Le liste presenti e le percentuali guadagnate

Daniele, iscritto a +Europa della prima ora, ha detto a TPI.it : “La vittoria di Tabacci è stata probabilmente favorita dall’arrivo di gruppi di persone portate a Milano per votare in massa”.

“Durante il congresso abbiamo sentito delle voci contro Tabacci, qualcuno diceva: ‘Hai portato i pullman!'”. A raccontarlo sono Laura e Federica, due ragazze che non avevano fatto in tempo ad iscriversi entro il 18 gennaio, ma che trovandosi a Milano ed essendo interessate alle attività di +Europa, si sono comunque recate al Congresso.

A queste voci il centrista Tabacci ha risposto dal palco del Congresso, come si può vedere anche dallo streaming dell’evento: “Che banalità ridicola, si fa una polemica sui mezzi di trasporto? I 5 mila iscritti non sono numeri, ma persone, rispettiamoli. L’iscritto non deve essere un militante a tempo pieno, non si facciano illazioni”.

Anche Michele Boldrin, economista che si era schierato con Cappato, sostiene che Tabacci abbia vinto grazie ai pullman: “Della Vedova deve cominciare a vergognarsi”, ha scritto su Twitter e ribadito in un suo video di commento:

La polemica non è tanto sui mezzi di trasporto, ma sul fatto che i passeggeri all’interno siano diventati una squadra di votanti inconsapevoli.

Chi c’era dietro l’organizzazione di questi pullman? Secondo le indiscrezioni di testimoni oculari presenti a Milano “Possiamo ipotizzare quattro livelli di contatti: l’assessore regionale Chiara Marciano, il coordinatore regionale del Centro Democratico di Salerno, Giovanni D’Avenia e il collaboratore, sempre di Salerno, Piercamillo Falasca”.

Giorgio è un sostenitore di Cappato e ha spiegato a TPI: “Secondo me le truppe cammellate avevano uno scopo: votare Benedetto Della Vedova segretario, e le liste di Tabacci e Italia Europea con capolista Piercamillo Falasca, fedelissimo di Della Vedova”.

Non c’è un rapporto causa effetto diretto, ma tutte queste persone nominate sono poi state effettivamente elette al Congresso.

Il candidato Falasca ha replicato a TPI: “Votare la lista Italia Europea? Forse questo Giorgio si è fatto prendere un po’ troppo dalla competizione congressuale. Per fortuna anche i più convinti sostenitori di Cappato sanno che la lista Italia Europea ha raccolto il suo consenso esclusivamente tra gli attivisti che da mesi stanno animando l’iniziativa di Più Europa. Ho notato anche io un po’ di voto organizzato, che ha penalizzato la mia lista come altre. Alla fine il risultato ha dato per fortuna un esito atteso: nessuna componente ha la maggioranza dell’assemblea e dunque Più Europa ha bisogno più di prima di tutte le sue anime, a cominciare proprio da quella rappresentata da Cappato”.

I passeggeri dei pullman sentiti da TPI si ricordano come referenti due persone: Luigi Scaglione e Fabrizio Ferrandelli.

Ferrandelli, deputato regionale all’Assemblea regionale siciliana dal 2012 al 2015 con il Partito Democratico, e poi candidato sindaco a Palermo con la coalizione di centrodestra, avrebbe portato 200 persone dalla Sicilia.

Luigi Scaglione, in lista con Tabacci, la delegazione lucana per Della Vedova e la  lista “Stiamo Uniti in Europa” hanno totalizzato oltre il 30 per cento delle preferenze. Proprio dalla Lucania proviene la maggior parte dei pullman pagati (è lo stesso Scaglione a complimentarsi su Facebook con la delegazione lucana).

Lista Tabacci
Un post su Facebook, sulla pagina di +Europa, nel quale Scaglione si congratula con la sua delegazione Lucana

In un audio registrato con il cellulare, si sente chiaramente che quando le persone insospettite, compresi giornalisti e attivisti, iniziano a chiedere spiegazioni sui pullman e sulle persone arrivate dal sud e avulse da qualsiasi nozione di politica, qualcuno comincia davvero a innervosirsi (Le voci sono distorte per tutelare le nostre fonti):

Sono stati 2.295 i voti validi per la segreteria del partito, in un Congresso al quale hanno partecipato 2.316 degli oltre 5mila iscritti.

Tra questi ci sono interi gruppi che non conoscono il nome del segretario che dovranno votare: “Ci hanno portati qui e ci hanno detto che dobbiamo votare per Della… Della….Della Vedova” si sente nell’audio catturato con il telefonino.

Oltre 800 persone sono arrivate tra sabato notte e domenica mattina, senza poter assistere agli interventi dei candidati.

Si legge nel regolamento del Congresso che “il Consiglio nomina una Commissione di garanzia congressuale, composta da tre membri e presieduta dal Presidente dell’Assemblea di +Europa, incaricata di vagliare, in base alle norme dello Statuto, l’ammissibilità delle candidature alle cariche statutarie e degli altri atti congressuali assegnati alla sua competenza”.

Questi tre membri che avrebbero dovuto vigilare sono Irene Piccinini, Francesco Cottafavi e Valentina Prodon. Raggiunta telefonicamente da TPI, Irene Piccinini ha chiarito: “Tutte le iscrizioni erano regolari, fatte entro il 18 gennaio 2019. E tutte le liste erano correttamente registrate. Noi non possiamo sapere da dove venivano i votanti. In teoria, il voto dovrebbe essere consapevole…”.

Resta però la questione del boom di iscrizioni a 48 ore dalla chiusura dei tesseramenti, in data 18 gennaio: 500 su 2mila iscrizioni sono state fatte nelle provincie di Avellino, Napoli, Salerno e Caserta e provenivano quindi da precise zone geografiche. Per esempio dalla Campania, dove il partito aveva preso l’1,5 per cento alle politiche.

Sulle gite a Milano, il web ha immediatamente ironizzato, e sono apparse sulle pagine dei Radicali e di altri militanti dei meme pungenti:

L’ironia sul web

Di truppe cammellate il nostro paese ne ha già viste diverse: i pullman carichi di persone dal sud Italia sono stati il simbolo del berlusconismo. Nel 2011, davanti al Palazzo di Giustizia di Milano dove Berlusconi era alla sbarra degli imputati per frode fiscale nel processo Mediaset, migliaia di persone urlarono contro le “toghe rosse”, ma molte di loro erano pagate.

+Europa fin dall’inizio si è presentata come un partito trasparente, vicino alla giustizia. Questo Congresso è stato solo uno scivolone?

*Alcuni dei nomi dei testimoni oculari citati in questo articolo sono stati cambiati o abbreviati, per tutelare le persone che sono state una fonte per la ricostruzione dei fatti