Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Cinque canzoni per ricordare Pino Daniele

Immagine di copertina

Il 4 gennaio 2015 moriva il celebre cantautore napoletano. Lo abbiamo ricordato con alcune delle sue canzoni più significative

PINO DANIELE – Il 4 gennaio 2015 moriva il cantautore, chitarrista e icona della cultura napoletana Pino Daniele. La sua carriera, iniziata negli anni Settanta e proseguita con successo sempre costante fino alla morte all’età di 59 anni, è stata una delle più luminose e originali nel panorama della musica italiana.

Per ricordarlo, TPI propone cinque tra le sue canzoni più significative.

NAPULE È (1977) 

La prima canzone del primo album di Pino Daniele (“Terra mia”, del 1977) è probabilmente anche il suo pezzo più amato, e col tempo si è imposta come un inno della città, riuscendo nell’intento di rappresentarla sia nei suoi lati piacevoli che in quelli più amari con poche immagini indimenticabili.

JE SO’ PAZZO (1979)

Con questa traccia dal suo secondo album (“Pino Daniele”, 1979), Daniele impone in classifica la sua anima più verace, cantando un blues in dialetto napoletano con la sfrontatezza di un novello Masaniello che si ribella con la sua follia alle regole della società.

QUANNO CHIOVE (1980)

L’anima più intimista di Pino Daniele, che su una musica a mo’ di ninna nanna costruisce una ballata indolente e malinconica, perfetta per un giorno di pioggia come quello descritto nella canzone.

IO PER LEI (1995)

A livello commerciale, uno dei più grandi successi di Pino Daniele, che rimase popolarissimo negli anni Novanta con questo pezzo d’amore a metà tra chitarre blueseggianti e melodia italiana, perfetto per le radio e in grado di trainare l’album “Non calpestare i fiori nel deserto” ai vertici delle classifiche.

QUANDO (1991)

Una delle collaborazioni della carriera del cantautore napoletano, in una carriera ricca di duetti ben riusciti, non fu con un altro musicista ma con uno dei suoi concittadini più amati, Massimo Troisi. Fu infatti in occasione del film di quest’ultimo, ”Pensavo fosse amore…invece era un calesse”, del 1991, che Daniele acconsentì a regalare un suo pezzo all’amico per inserirlo nella colonna sonora. In questo video è possibile vedere un’esibizione casalinga in anteprima del brano e poi l’inclusione finale nel montaggio del film.

LEGGI ANCHE: Il testamento di Pino Daniele in un inedito

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI