Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Perché il simbolo della Ferrari è un cavallino rampante

Immagine di copertina

Ecco quali sono le ragioni per cui l'animale è il simbolo della celebre scuderia

Vi siete mai chiesti perché il cavallino rampante è il simbolo della Ferrari? Ecco allora qual è la storia di quello che oggi è sicuramente uno dei simboli più famosi e riconoscibili del made in Italy.

Il cavallino rampante, infatti, originariamente era il simbolo portafortuna di Francesco Baracca, asso dell’aviazione italiana durante la Prima Guerra Mondiale, vincitore di ben 34 duelli con i rivali austroungarici e morto in battaglia nel 1918. Ai lati del suo velivolo, Baracca aveva dipinto due cavalli rampanti.

Ma se era il simbolo di Baracca, allora perché il cavallino rampante è il simbolo della Ferrari? Dopo la guerra, Enzo Ferrari si trovò a correre sulla sua monoposto presso il circuito di Savio, vicino Ravenna, dove conobbe Paolina Baracca, madre dell’aviatore, la quale cercò di convincere Ferrari dall’usare il cavallino rampante come simbolo della sua automobile.

Dal 1932, dunque, Enzo Ferrari iniziò ad usare questo nuovo simbolo appositamente disegnato dall’azienda OMEA e messo su campo giallo come omaggio alla città di Modena, dove era nato il fondatore della casa automobilistica. Questi sono dunque i motivi che hanno portato il cavallino rampante a essere il simbolo della Ferrari.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI