Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

“Leghista terrone vergogna del meridione”: centri sociali interrompono la scuola della Lega a Napoli

Immagine di copertina

Blitz dei centri sociali durante la seconda lezione della scuola di formazione politica della Lega in Campania. A Napoli domenica mattina (27 gennaio), nell’hotel Ramada, circa 50 aderenti a Insurgencia hanno fatto irruzione, interrompendo i lavori esponendo uno striscione con la scritta “Leghista terrone vergogna del meridione”. (Qui sopra il video pubblicato su Facebook dal centro sociale Insurgencia).

Il gruppo si è poi spostato all’esterno della struttura dove hanno dato vita un presidio. Immediato l’intervento delle forze dell’ordine, così come le polemiche degli esponenti del Carroccio.

“Ci chiediamo se il sindaco di Napoli condannerà l’attacco dei centri sociali contro la scuola di formazione politica della Lega dove partecipavano ragazze e ragazzi per bene, che volevano semplicemente saperne di più della politica del governo. Aspettiamo una risposta”, dice il deputato Gianluca Cantalamessa, coordinatore regionale della Lega.

LEGGI ANCHE: “Napoli non dimentica”, i manifesti contro Salvini per la visita del ministro dell’Interno

“La mancanza di una precisa presa di distanza del primo cittadino, da chi adotta azioni intimidatorie nei confronti di chi la pensa semplicemente in maniera differente, è la conferma che ormai de Magistris è il sindaco dell’illegalità”.

Gli attivisti del centro sociale Insurgencia hanno spiegato il blitz all’hotel Ramada definendo “inaccettabile che, dopo anni di insulti ai meridionali, il partito che ha costruito la propria carriera sull’odio provi a ripulirsi la faccia e a raccattare i voti dei napoletani”.

“Non possiamo dimenticare i cori che ci definivano ‘colerosi e terremotati’, non possiamo dimenticare gli insulti di chi oggi accumula consensi sull’odio per i migranti fomentando la guerra tra poveri. Fuori i leghisti e i razzisti dalle nostre città, per voi a Napoli non c’è spazio!”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI