Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

“Esporre un’opera di Hitler per sconfiggere la censura hitleriana”

Immagine di copertina

In un'intervista a TPI Vittorio Sgarbi spiega la sua scelta di esporre un dipinto a olio del dittatore nazista al Museo della Follia, di cui è ideatore

“Censurare Hitler è un’idea hitleriana”. Secondo Vittorio Sgarbi, curatore del museo della Follia di Salò che ospiterà un quadro di Adolf Hitler, non c’è motivo di polemiche per la sua decisione.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

“La presenza di opere di Hitler, ovviamente, fa sempre discutere perché c’è una visione quasi teologica per cui alcune cose si devono censurare”, spiega Sgarbi, intervistato da TPI. “Ma censurare Hitler è un’idea hitleriana, da totalitarismi”. In sostanza, bisogna usare “Hitler per sconfiggere Hitler”, secondo il critico d’arte.

Il museo della Follia apre a Salò e ospita un dipinto a olio del dittatore nazista prestato da un collezionista privato tedesco e che non era mai stato esposto prima. 

L’opera di Hitler si inserisce perfettamente nell’ottica del museo. “Non c’è follia più grande della guerra e Hitler ne è soltanto un esempio”, spiega Sgarbi. “Parliamo di un artista dilettante, in una mostra d’arte e follia”.

Di per sé, l’opera non ha un gran valore artistico. Sgarbi però precisa che ha il merito di denunciare “quale era la mente della causa di una catastrofe come quella della guerra”. Il dipinto esposto, secondo il curatore del museo, è “banale e malinconico: esattamente la proiezione della sua mente”.

E le polemiche che potrebbero nascere dopo questa decisione non sembrano preoccupare Sgarbi. “Sono abbastanza collaudato alle polemiche”, risponde il critico d’arte. 

La scelta sembra essere anche pubblicitaria. “Ovviamente la presenza di un dipinto di Hitler fa sempre discutere”, afferma Sgarbi. L’esposizione di questa opera potrebbe quindi avere anche l’obiettivo di incuriosire e attrarre i visitatori. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI