Covid ultime 24h
casi +13.633
deceduti +472
tamponi +264.728
terapie intensive -28

Marella Agnelli: chi era la vedova dell’Avvocato scomparsa a 92 anni

Di Antonio Scali
Pubblicato il 23 Feb. 2019 alle 10:12 Aggiornato il 23 Feb. 2019 alle 11:34
0
Immagine di copertina

Marella Agnelli chi è | Carriera | Vita privata | Gianni Agnelli | Figli

MARELLA AGNELLI CHI È – Aveva 92 anni Marella Agnelli, la vedova dell’Avvocato, scomparsa il 23 febbraio 2019 a Torino. Malata da tempo, le sue condizioni erano peggiorate negli ultimi giorni. Una vita al fianco di Gianni Agnelli, con il quale si era sposata il 19 novembre 1953 nel castello di Osthoffen, a Strasburgo.

Madre di Edoardo e di Margherita Agnelli, Marella ha avuto otto nipoti: i fratelli John e Lapo, Ginevra, Pietro, Sofia, Maria, Anna e Tatiana. I funerali, ha fatto sapere la famiglia, si svolgeranno in forma privata.

Ma chi era Marella Agnelli? Non solo la vedova dell’Avvocato, ma anche un’importante collezionista d’arte e designer. Nasce a Firenze il 4 maggio 1927, da una famiglia dell’aristocrazia napoletana.

Il padre, Filippo Caracciolo Principe di Castagneto, scrittore saggista e importante diplomatico, che ebbe l’incarico prima di Sottosegretario di Governo e successivamente ricoprì la carica di Segretario Generale del Consiglio d’Europa. La madre Margaret Clarke era americana, originaria dell’Illinois.

Dopo aver conseguito il diploma in Svizzera, Marella Agnelli ha frequentato l’Académie des Beaux-Arts e poi l’Académie Julian di Parigi, ha intrapreso l’attività di fotografa a New York, lavorando come assistente di Erwin Blumenfeld. Tornata in Italia, ha lavorato saltuariamente come redattrice e fotografa per la casa editrice di Vogue, la Condé Nast.

Nel 11953 a Strasburgo sposa Gianni Agnelli. Il matrimonio fra i due sembrava quasi scritto nel destino: anche lui figlio di una principessa, nipote di un senatore, orfano dall’età di 14 anni del padre imprenditore e dirigente sportivo. La fusione delle due famiglie inoltre diede vita a uno degli imperi economici più importanti della storia d’Italia.

Nel 1973 Marella Agnelli ha realizzato una serie di disegni per tessuti d’arredamento dietro richiesta della fabbrica svizzera Abraham Zumsteg. In seguito si è dedicata alle collezioni in Italia per la Ditta Ratti di Como, in Francia per gli Stabilimenti Steiner, negli Stati Uniti per la Martex e ha anche realizzato diverse collezioni per la Marshall Field’s.

Quattro anni dopo negli Stati Uniti ha ricevuto l’Oscar del disegno con il premio “Product Design Award of the Resources Council Inc”.

Appassionata di giardinaggio, Marella Agnelli ha pubblicato nel 1987 il best-seller Giardini Italiani della Weidenfeld e Nicholson, nel 1995 Il Giardino di Ninfa, nel 1998 Giardino Segreto, nel 2007 Ninfa Ieri e Oggi. Successivamente nel 2014 Ho coltivato il mio giardino e nel 2015 La Signora Gocà.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.