Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

La mappa dei suoni delle grandi città

Immagine di copertina

Quattro ricercatori italiani hanno prodotto le mappe sonore di New York, Londra, Boston, Madrid e Barcellona

Quattro ricercatori italiani hanno ideato la Chatty Maps, un progetto che punta a mappare i suoni cittadini più comuni, trasformando i risultati in splendide mappe che illustrano come “suona” una determinata area urbana.

Il progetto attualmente mappa cinque grandi città. New York, Londra, Boston, Madrid e Barcellona.

I suoni sono divisi in cinque categorie: mezzi di trasporto, natura, umani, musica e meccanici. Ognuno è rappresentato da un colore diverso (rispettivamente rosso, verde, blu, giallo e grigio).

Se l’area è prevalentemente verde, potreste decidere di recarvi lì, trovare una panchina su cui sedervi e riposare nella quiete ascoltando i cinguettii degli uccelli o il fruscio delle foglie.

Se l’area è prevalentemente rossa, il traffico cittadino, i clacson delle auto, i rumori degli autobus e lo sferragliare dei tram potrebbero disturbare le vostre orecchie.

Ma l’aspetto più interessante del progetto è stata la raccolta dei dati sonori. Infatti, i ricercatori non hanno registrato i suoni personalmente.

Hanno invece analizzato milioni di immagini di Flickr, dotate di tag di geolocalizzazione, che contenessero parole chiave legate ai suoni.

I risultati di questa analisi sono stati classificati in quello che i ricercatori hanno definito il “primo dizionario dei suoni urbani”, disponibile qui.

I ricercatori italiani hanno pubblicato mercoledì 23 marzo 2016 il loro studio sul sito web della Royal Society Open Science: “Abbiamo dimostrato che i dati estraibili dai social media permettono di tracciare in modo efficace ed economico i suoni urbani”.

Tuttavia, ammettono che nel corso del progetto hanno riscontrato alcune difficoltà, tra cui la natura dinamica e mutevole del panorama sonoro cittadino.

“Non importa quali e quanti dati abbiamo, catturare in modo completo il panorama sonoro è impossibile. […] Lo scopo di questo lavoro è consentire agli amministratori cittadini e ai ricercatori di studiare soluzioni per un panorama sonoro ecologicamente equilibrato in cui la relazione tra la comunità umana e il suo ambiente sonoro siano in armonia”, scrivono i ricercatori.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI