Covid ultime 24h
casi +8.824
deceduti +377
tamponi +158.674
terapie intensive +41

Manovra, sale la tensione al Senato. Il Pd: “Occupiamo l’Aula”

Di TPI
Pubblicato il 18 Dic. 2018 alle 15:06 Aggiornato il 18 Dic. 2018 alle 15:09
0
Immagine di copertina

Il Partito democratico è pronto a occupare l’aula del Senato. Questa la protesta, annunciata su Facebook dal deputato dem Andrea Marcucci, dopo i rinvii sulla legge di Bilancio.

Il Pd parla esplicitamente di “emergenza democratica”, con il governo che “sembra essere scomparso”, denuncia Marcucci: “Nessuno parla, nessuno risponde, mentre il Parlamento e il Paese sono in balia della loro incapacità”.

La richiesta del Pd è rivolta al premier Giuseppe Conte. Ed è una richista dura: “Se non verrà in Senato a dare spiegazione di tutti questi ritardi, occuperemo l’aula. Siamo pronti a mettere in pratica la più estrema delle proteste, e chiediamo anche agli altri gruppi di opposizione di fare altrettanto”.

E mentre Marcucci minacciava l’occupazione dell’aula di Palazzo Madama, in un’intervista a Circo Massimo l’ex ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, ha attaccato frontalmente più che i contenuti della manovra, l’iter che sta seguendo il governo.

La legge di bilancio “è partita in un grande caos, con coperture inventate e crescita inventata, con dichiarazioni bulle, ed è finita con una calata di braghe che non ha precedenti nella storia italiana. E la manovra non c’è ancora, in attesa che Moscovici e Dombrovskis la correggano nei dettagli prima di presentarla in Parlamento”.

M5s e Lega “hanno fatto bene a fare retromarcia” sulla manovra, ma “il problema rimane: la manovra continua a non esserci” ha continuato Calenda. “È costruita sulla sabbia, non solo perché si rimangia tutte le promesse ma perché stiamo andando verso una situazione economica difficilissima. é inadatta alle circostanze e va cambiata anche per questo”.

Il tema, spiega Calenda, rimane quello di capire “come si riesce a uscire fuori da uno stallo dell’economia reale che ha pesantissime ripercussioni sull’occupazione. Abbiamo perso da maggio 96 mila posti di lavoro”, la maggior parte a tempo indeterminato.

“Escludo che” il governo “durerà fino alla fine della legislatura. Perderà il controllo del Paese, non riuscirà a realizzare le promesse”.

Anche in Commissione Bilancio la situazione è tutt’altro che serena, con tutte le opposizioni che chiedono l’intervento del ministro dell’economia Giovanni Tria nell’ambito dei lavori sulla manovra.

È quanto è emerso al termine della Capigruppo della Commissione Bilancio del Senato. L’obiettivo è sapere “a che punto sia la trattativa” con l’Europa, “facciamo tutti il tifo per il nostro Paese, ma è indispensabile che il ministro venga”, ha spiegato Antonio Misiani (Pd) al termine della riunione.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.