Covid ultime 24h
casi +16.079
deceduti +136
tamponi +170.392
terapie intensive +66

Maglietta di Auschwitzland, indagata la militante di Forza Nuova

La denuncia è stata presentata dall'Anpi, secondo cui si è trattata di una rievocazione criminale del fascismo

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 14 Nov. 2018 alle 15:49
0
Immagine di copertina
Una maglietta con al scritta Auschwitzland

L’ex militante di Forza Nuova Selene Ticchi, diventata famosa per aver indossato in  una manifestazione a Predapppio una maglietta nera con la scritta Auschwitzland, realizzata con la stessa grafica della Disney, è indagata dalla Procura di Forlì.

La notizia è stata data dal procuratore Maria Teresa Cameli, che non è però entrata nel merito dell’indagine e del reato contestato alla donna.

La procura ha aperto l’indagine dopo che l’Anpi aveva presentato una denuncia, spiegando che la marcia “ha rappresentato l’occasione per una rievocazione criminale del fascismo: dalle divise al saluto romano, è stato tutto un celebrare il ventennio, in spregio della barbarie che esso ha rappresentato”.

“Si tratta di un fatto molto grave, che non può essere giustificato come una leggerezza o un eccesso di goliardia”, è stato il commento del procuratore Maria Teresa Cameli.

“I fatti della seconda guerra mondiale, e in particolare dello sterminio degli ebrei, grondano sangue e debbono sempre e solo suscitare rispetto e commozione”.

Anche il museo di Auschwitz ha denunciato la donna: “Usare Auschwitz in questo modo – si legge in un tweet pubblicato dal profilo ufficiale del museo – è umanamente terribile e soprattutto manca di rispetto verso tutti coloro che hanno sofferto e sono stati uccisi nel campo di concentramento e sterminio nazista di Auschwitz – inclusi 7.500 ebrei italiani che sono stati deportati in questo campo. Speriamo che gli italiani reagiscano a questo doloroso incidente”.

Commenti critici erano arrivati anche da CasaPound e alla fine Ticchi si è scusata per il suo gesto, denunciando di star ricevendo minacce per aver indossato la maglia con la scritta Auschwitzland.

“Ho sbagliato, è stato un errore, una leggerezza dovuta allo stress ma ora minacciano me e la mia famiglia”.

Sulla vicenda si è espressa anche la Disney, precisando in un comitato:”Vogliamo che sappiate che troviamo questa maglietta e ciò che rappresenta riprovevole e aberrante. Stiamo molto attenti a proteggere il nostro copyright e stiamo indagando ulteriormente”.

L’intervista di Tpi a Selene Ticchi: “Non sono questi i problemi dell’Italia, pensiamo a Pamela fatta a pezzi”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.