Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 11:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Chi c’era prima di Lino Banfi alla Commissione Unesco e chi decide la nomina

Immagine di copertina

Il noto attore comico pugliese sostituirà Folco Quilici, documentarista e scrittore italiano morto nel febbraio 2018

La notizia che Lino Banfi andrà alla Commissione Nazionale per l’Unesco a rappresentare il governo italiano ha ormai fatto il giro dell’interna penisola.

Il noto attore comico pugliese sostituirà Folco Quilici, documentarista e scrittore italiano morto nel febbraio 2018. Erroneamente era stata diffusa la notizia secondo cui Banfi avrebbe sostituito Pupi Avati come responsabile delle comunicazioni.

Il Ministero dello sviluppo economico ha poi precisato che in realtà l’attore prenderà il posto di Quilici. Luigi Di Maio non ha specificato quale sarà il ruolo di Lino Banfi all’interno della Commissione.

> No, criticare Lino Banfi all’Unesco non è da radical chic, né da rosiconi

“Io dico che c’entro io con la cultura, poi ho scoperto questa carica è bellissima. Nelle commissioni fino adesso si sono fatte con persone plurilaureate in questo in quell’altro, conoscono bene la geografia, i posti, i siti tutte cose che io non so, io voglio portare solo un sorriso dovunque”, ha detto Lino Banfi commentando la nomina.

La commissione, composta da circa 50 persone, è nominata dal Ministero dello Sviluppo economico.

Qui i suoi compiti principali:

L’organo è guidato da Franco Bernabè, con un passato da dirigente in aziende private e incarichi pubblici di alto rilievo.

L’Italia è al primo posto per numero di siti iscritti nella Lista Unesco del Patrimonio Mondiale con 54 beni e 7 iscrizioni nella Lista del Patrimonio Culturale Immateriale.

Chi è Folco Quilici Folco – Quilici è stato un documentarista e scrittore italiano, specializzato nella divulgazione naturalistica. Nel 2006, la rivista Forbes lo ha inserito tra le cento firme più influenti del mondo grazie ai suoi film e ai suoi libri sull’ambiente e sulle culture.

Tra i suoi lavori più noti vi è una serie di film sull’Italia filmata dall’alto da un elicottero: tra il 1966 al 1978 Quilici realizzò 14 documentari, tutti aventi come titolo L’Italia vista dal cielo. Ha ricevuto tantissimi riconoscimenti italiani e internazionali.

> Lino Banfi e il Franco africano: questo Governo fa dell’ignoranza un modello culturale

Ti potrebbe interessare
Cultura / “Una sera torno a casa e c’era Agnelli a tavola. Così mi incazzai con mio padre Eugenio”: parlano le figlie di Scalfari
Cultura / “Il potere dei libri: leggete e non ve ne pentirete”. Parla Giuseppe Laterza
Cultura / Alla Festa del Cinema di Roma arriva il documentario su Eugenio Scalfari: la clip in esclusiva
Ti potrebbe interessare
Cultura / “Una sera torno a casa e c’era Agnelli a tavola. Così mi incazzai con mio padre Eugenio”: parlano le figlie di Scalfari
Cultura / “Il potere dei libri: leggete e non ve ne pentirete”. Parla Giuseppe Laterza
Cultura / Alla Festa del Cinema di Roma arriva il documentario su Eugenio Scalfari: la clip in esclusiva
Cultura / Diritto della privacy e protezione dei dati personali. Il GDPR alla prova della data driven economy: il libro di Alongi e Pompei
Cultura / Dacia Maraini a TPI: “La gentilezza ci salverà”
Cultura / I libri da leggere questa settimana
Cultura / Le mostre da non perdere questa settimana
Cultura / “Il potere dei libri per combattere l’odio social”: intervista a Nicola Lagioia
Costume / L’ultimo allievo di De Chirico
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”