Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Le gang criminali più pericolose al mondo

Immagine di copertina

Nel mondo sono attive migliaia di organizzazioni criminali, più o meno grandi, più o meno organizzate, più o meno potenti. Ecco quali sono oggi le più pericolose

Nel mondo sono attive migliaia di organizzazioni criminali, più o meno grandi, più o meno organizzate, più o meno potenti. Spesso i ricavi del crimine organizzato sono molto difficili da stimare, data la natura illecita del giro di affari. Alcune organizzazioni, più di altre, hanno travalicato i confini dello stato in cui sono nate, arrivando a influenzare, con traffici illeciti, anche paesi lontani migliaia di chilometri. Ma quali sono oggi le organizzazioni criminali più pericolose e potenti del mondo? Una carrellata:

Solncevskaja bratva (Russia) – è conosciuta anche come Fratellanza Solncevskaja “Brigata del Sole” ed è una potente organizzazione criminale russa nata a Mosca. È tra le più pericolose organizzazioni criminali al mondo e considerata uno dei più potenti gruppi criminali della mafia russa. Nel 1998 furono stimati circa 5000 membri e opererebbe in almeno 32 paesi stranieri. L’organizzazione nacque a metà degli anni ottanta con l’ascesa del mafioso Syergyej Mihajlov ‘Mikhas e del compagno criminale di Viktor Averin. Scelsero di ignorare i codici e le linee guida dei criminali russi tradizionali i Vor v zakone o ladri nella legge e si basarono su uno stile più occidentale. In generale la mafia russa rappresenta un quarto dell’economia del paese ed è formata da almeno 450 gruppi affiliati.

Yamaguchi gumi (Giappone) – è una delle più grandi e potenti organizzazioni criminali della Yakuza, la mafia giapponese. Prende il nome dal suo fondatore Harukichi Yamaguchi. Le sue origini si possono far risalire ad un sindacato per lavoratori portuali sciolto a Kōbe prima della seconda guerra mondiale. È una delle più grandi organizzazioni criminali del mondo. Secondo le stime, si parla di più di 55.000 membri attivi. I suoi affiliati rappresentano il 45 per cento degli 87mila membri totali della Yakuza giapponese. Guadagna miliardi di dollari all’anno tra estorsioni, gioco d’azzardo, prostituzione, armi, droga, abusivismo. Sono anche coinvolti in pornografia su internet e operazioni illecite in borsa. La yakuza è una delle organizzazioni criminali meno nascoste del mondo, e ha sedi ufficiali, targhette e biglietti da visita, oltre che siti internet.

Mara Salvatruch (El Salvador) – è una delle più potenti gang salvadoregne ed è considerata la gang più pericolosa degli Stati Uniti e dell’America centrale. Fa parte delle Maras, le gang criminali che si sono formate inizialmente per le strade di Los Angeles nel 1980 dai figli di immigrati salvadoregni in fuga dalla brutale guerra civile del paese. Quando la guerra finì, nel 1992 e molti di loro sono tornati a casa, hanno proseguito con la cultura delle bande. Le maras o pandillas sono coinvolti nel traffico di droga, rapina ed estorsione. La sua eterna rivale è la gang Mara-18, o 18th Street Gang. Gli affiliati delle Maras si distinguono per alcuni segni particolari, tra cui i tatuaggi che spesso coprono anche il viso. Alcuni si tatuano addosso il numero delle persone uccise e altri simboli macabri che rappresentano ospedali, prigioni e obitori. Si distinguono inoltre grazie ai graffiti sui muri, alcuni gesti tipici, come quello delle corna, e per le loro canzoni rap i cui testi riflettono una cultura profondamente violenta e nichilista.

Cartello di Sinaloa (Messico) – detto anche cartello del Pacifico, o organizzazione Guzmán-Loera, è un cartello di trafficanti di droga messicani che opera nello Stato di Sinaloa, Sonora e Chihuahua, guidato da Joaquín Guzmán, conosciuto anche come El Chapo, il miliardario considerato come il trafficante più ricco e potente di droga in tutto il mondo. Il potente cartello internazionale gestisce un traffico di droga che negli ultimi anni ha iniziato ad estendersi anche in Europa (Francia, Regno Unito e Paesi Bassi). La United States Intelligence Community la considera l’organizzazione più forte al mondo nel traffico di droga anche per i suoi traffici che si estendono su tutti e 5 i continenti: Africa, America del Sud, Asia e Australia. Controlla il 65 per cento del mercato della droga americano.

‘Ndrangheta (Italia) – è una delle principali organizzazioni criminali italiane, insieme a Cosa Nostra e alla Camorra. L’organizzazione criminale ha costruito il suo enorme impero economico con i sequestri, l’estorsione, l’usura, il commercio della droga, oltre che attiva nella partecipazione in appalti pubblici, condizionamento del voto elettorale, traffico di armi, gioco d’azzardo, traffico di esseri umani, e smaltimento di rifiuti tossici e radioattivi. Oggi la ‘Ndrangheta è considerata la più pericolosa organizzazione criminale in Italia, che ha il suo centro propulsore in Calabria, ma è anche una delle più potenti al mondo, con una diffusione in vari paesi. Secondo il rapporto Eurispes 2008 ha un giro d’affari di 44 miliardi di euro. La ‘Ndrangheta, grazie alle infiltrazioni mafiose all’interno degli enti politici, è attiva a livello “istituzionale”.

D-Company (India) – è un’organizzazione criminale indiana di stampo mafioso, comandata da Dawood Ibrahim. L’organizzazione è strettamente correlata a una serie di attività criminali e terroristiche nel sud dell’Asia, specialmente a Mumbai, India, e nel Golfo Persico. Parecchi membri del gruppo sono entrati nella wanted list della Interpol e della polizia indiana. Il governo indiano crede che Dawood Ibrahim e i suoi associati supportino attività terroristiche nel paese.

Mungiki (Kenya) – è una setta politico-religiosa e organizzazione criminale messa al bando dal governo del Kenya. Nasce come braccio armato della setta Tenda del Dio vivente, una setta religiosa che ha sposato un ritorno alle credenze tradizionali tribali e un rifiuto dei valori occidentali. La parola Mungiki significa “moltitudine” in lingua kikuyu. La polizia la considera un’organizzazione mafiosa, attiva nel racket, nell’estorsione e negli omicidi. L’ideologia del gruppo è caratterizzata da una retorica rivoluzionaria e dal rigetto di tutti i tipi di modernizzazione sociale in atto in Kenya. A causa dell’estrema segretezza, che secondo gli studiosi ricorda la ‘ndrangheta calabrese, delle pratiche dell’organizzazione, ancora poco si conosce su di essa e sui suoi membri. Alcuni presunti esponenti hanno dichiarato che, al culmine della sua influenza, la setta poteva contare su oltre 500 mila affiliati e riceveva sostanziali offerte economiche dalla gente di Nairobi.

Hells Angels Motorcycle Club (Stati Uniti) – è un’associazione motociclistica (Motoclub Angeli dell’inferno) nata negli Stati Uniti e oggi diffusa in tutto il mondo, i cui membri, tradizionalmente, utilizzano motociclette Harley-Davidson. L’associazione è considerata un’organizzazione criminale dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti d’America. Gli Hells Angels sono pesantemente coinvolti nel traffico di droga, in rapine, prostituzione ed estorsione e nel mercato dei locali notturni.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI