Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:08
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

“Lager per negri”: cartello shock a Torino

Immagine di copertina
Il cartello shock

La scritta è apparsa nei pressi di corso Massimo D'Azeglio vicino parco del Valentino

Lager per negri“. È la scritta shock comparsa a Torino su un cartello stradale, quelli di colore marrone che indicano i siti culturali, posizionato da ignoti nei pressi di corso Massimo D’Azeglio, a pochi metri dal parco del Valentino.

Accanto alla scritta la figura stilizzata del campo di sterminio di Birkenau, anche noto come Auschwitz II.

Il cartello è stato rimosso subito dalla Digos che ora indaga per risalire agli autori del gesto, finora ignoti.

Ne scrive La Stampa:

“Probabile il riferimento alla polemica delle scorse ore: al raduno fascista di Predappio per commemorare la marcia su Roma, Selene Ticchi (attivista di Forza Nuova e già candidata sindaco di Budrio, Bologna, per la lista neofascista Aurora italiana) indossava una maglietta con la scritta «Auschwitzland», che paragonava il campo di concentramento a un parco divertimenti (gesto da cui Forza Nuova ha preso le distanze)”.

Selene Ticchi: la storia

La donna ha poi chiarito il suo punto di vista in un’intervista a TPI:

“Sto vivendo un periodo di forte stress, ho anche problemi familiari. Concilio lavoro e impegno politico. Sono andata ad attaccare degli striscioni con i ragazzi di Lotta Studentesca tra Molinella, Budrio e Bologna, per poi andare a Predappio, ho aperto un cassetto e ho preso la prima maglietta che ho trovato, ne cercavo una con una frase inneggiante al duce, infine ne ho presa una a caso, ecco com’è andata”.

Ticchi riferisce che gli organizzatori della manifestazione avevano espressamente richiesto di non esporre simboli politici: “Me l’hanno regalata anni fa, la scritta è di vecchia data, è stata pubblicata più volte sui social,ora il problema è la mia maglietta? Faceva molto caldo, altrimenti nessuno l’avrebbe vista perché avrei avuto una felpa”.

Auschwitzland: la risposta di Disney

“Grazie per averci contattato. Vogliamo che sappiate che troviamo questa maglietta e ciò che rappresenta riprovevole e aberrante. Stiamo molto attenti a proteggere il nostro copyright e stiamo indagando ulteriormente”.

Alla fine la polemica sulla maglietta indossata dalla militante di Forza Nuova durante la manifestazione di Predappio per i nostalgici del fascismo, e recante il logo “Auschwitzland”, è arrivata anche alla Disney che ha immediatamente preso le distanze e condannato l’immagine di cattivo gusto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI