Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Venezia: ladro arrestato grazie a X-Law, l’algoritmo che prevede i reati

Immagine di copertina
Credit: AFP

Il sistema permette di prevenire e prevedere i reati che avvengono in città

La polizia di Venezia è riuscita ad arrestare un uomo con l’accusa di furto aggravato grazie ad un algoritmo in grado di prevenire i reati.

L’arresto è avvenuto intorno alle 3.45 del 15 novembre 2018 dopo che un portiere aveva allertato i militari avendo sorpreso un ladro che cercava di rubare i soldi dalla cassa di un hotel.

Quando gli agenti hanno ricevuto la chiamata del portiere sono riusciti a fermare subito il ladro perché si trovavano già in zona, e non per una semplice coincidenza.

I militari infatti hanno utilizzato un algoritmo ideato dalla questura di Napoli sulla base di anni e anni di esperienza in strada.

Il sistema creato dagli agenti prende il nome di X- Law ed è stato presentato come uno strumento digitale a supporto delle forze dell’ordine che permette di prevenire e prevedere i reati che avvengono in città.

Il caso di Venezia è uno dei primi che dimostra la reale efficacia del sistema X-Law.

Il software è stato creato sulla base delle denunce fatte alla polizia di Stato e grazie all’incrocio dei dati a sua disposizione è in grado individuare i luoghi dove è stata registrata una maggiore l’incidenza dei reati.

In questo modo, l’algoritmo è in grado di riconoscere la “serialità” dei reati e permette al sistema X-Law di prevederli, fornendo agli agenti indicazioni precise sui luoghi in cui è più probabile che si registri un reato.

Il caso di Venezia – Grazie all’algoritmo, la polizia di Venezia è riuscita ad arrestare il ladro prima che riuscisse a raggiungere la cassa del bar.

Secondo quanto raccontato dal portiere che ha sporto denuncia, l’uomo aveva sfondato la porta del locale e si stava dirigendo verso la cassa. Quando si è accorto di essere stato scoperto ha tentato la fuga attraverso la porta che aveva infranto e si è diretto verso la zona riservata ai taxi.

I miliari però sapevano dove trovarlo grazie alla segnalazione del X-law, che prevedeva tra le 3 e le 4 del mattino la possibile commissione di un reato in un esercizio.

Negli uffici della Questura è emerso che sull’uomo gravavano specifici precedenti per reati contro il patrimonio: dopo l’arresto è stato denunciato per furto aggravato.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI