Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

L’uomo che può salvare l’Italia

Immagine di copertina

La sua missione è ridurre drasticamente i costi dello Stato. Chi è Carlo Cottarelli?

È l’uomo che potrebbe determinare la vittoria o la sconfitta della scommessa più grande del governo Renzi: si chiama Carlo Cottarelli ed è il commissario alla revisione della spesa dello stato italiano.

Il suo obiettivo: far risparmiare allo stato 34 miliardi in tre anni, una cifra pari al 2 per cento della produzione economica italiana, che lo Stato spreca all’interno delle sue voragini istituzionali.

Il Wall Street Journal ha dedicato un articolo al commissario e alla sua missione quasi impossibile, ma indispensabile al governo per ridurre le tasse come promesso e in questo modo aiutare l’Italia a colmare il gap competitivo con gli altri paesi europei.

Il Wall Street Journal descrive Cottarelli come ex alto funzionario del Fondo Monetario Internazionale, che ha già avuto a che fare con i conti di Turchia, Russia e Regno Unito ma ora si rivolge all’Italia.

Per lui, fare pulizia nei conti dello stato italiano significherà lottare contro “lobby potenti, tra cui alti funzionari, sindacati e partiti politici che hanno già avuto la meglio su una serie di simili iniziative in passato”.

Ad esempio, la spending review tentata dall’ex premier Mario Monti ha prodotto soltanto, secondo il giornale, “un volume di 300 pagine di raccomandazioni che per lo più ha solo preso polvere”.

Per raggiungere questo obiettivo, stavolta il premier Matteo Renzi ha deciso di dare il buon esempio, mettendo all’asta su eBay decine di auto blu, dando una severa sforbiciata agli stipendi dei manager pubblici e scartando l’acquisto dei costosi F35 americani da parte dell’Italia.

“L’approccio italiano alla spesa pubblica, che è pari a 800 miliardi di euro – vale a dire la metà del prodotto interno lordo – è la principale fonte di debolezza competitiva del Paese”, scrive il Wall Street Journal.

“Per due decenni, l’Italia ha aumentato le tasse e ha fatto ricorso a tagli indiscriminati della spesa pubblica per finanziare il suo debito pubblico, che è il quarto più grande del mondo. Eppure, i costi di governo in Italia rimangono più alti del 50 per cento rispetto alla media europea”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI