Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Netanyahu annulla l’accordo con l’Onu sui profughi da ricollocare

Immagine di copertina
Il primo ministro di Israele, Benjamin Netanyahu, Credit: AFP PHOTO / AFP PHOTO AND EPA / ABIR SULTAN

Dopo lo stop dell'Italia, il premier israeliano ha fatto marcia indietro: l'intesa avrebbe dovuto cancellare il contestato piano di espulsioni varato dal premier israeliano

Il primo ministro di Israele, Benjamin Netanyahu, ha annunciato il 3 aprile 2018 l’annullamento dell’accordo con l’Onu per il ricollocamento di 16mila profughi africani che attualmente vivono in Israele in diversi paesi occidentali.

“Ho ascoltato attentamente i numerosi commenti sull’accordo. Dopo aver nuovamente valutato i vantaggi e gli svantaggi, ho deciso di annullare l’accordo “, ha dichiarato Netanyahu in una nota ufficiale.

Il giorno precedente era stato lo stesso premier israeliano a dare la notizia dell’intesa raggiunta con le Nazioni Unite. Netanyahu aveva spiegato che tra i paesi che avrebbero ospitato i migranti ricollocati c’erano l’Italia, la Germania e il Canada.

La Farnesina aveva smentito e in serata Netanyahu aveva annunciato la sospensione dell’accordo.

“Ho deciso di sospendere l’applicazione di questo accordo e di ripensarne i termini”, aveva dichiarato Netanyahu sulla sua pagina Facebook, spiegando di aver letto attentamente le critiche contro all’intesa.

Il governo italiano aveva smentito l’accordo con il governo di Tel Aviv. “Non c’è alcun accordo con l’Italia nell’ambito del patto bilaterale tra Israele e l’Unhcr per la ricollocazione, in cinque anni, dei migranti che vanno in Israele dall’Africa e che Israele si è impegnata a non respingere”, riporta il ministero degli Esteri italiano.

E anche la Germania aveva precisato che non c’è ancora alcuna intesa sul ricollocamento dei migranti.

Il piano di espulsione di massa per i richiedenti asilo

L’accordo, poi sospeso, mirava ad annullare il tanto contestato piano di espulsione di massa per i richiedenti asilo. Si stima che in Israele vi siano oltre 40mila richiedenti asilo africani, provenienti principalmente dal Sudan, dalla Somalia e dall’Eritrea.

Qualche anno fa TPI aveva visitato il centro di detenzione israeliano di Holot per conoscere i richiedenti asilo che da Israele rischiano di essere rimandati in Africa. Qui la nostra storia sul campo.

L’accordo raggiunto con l’Onu, se confermato, sarà attuato in un arco temporale di cinque anni.

Dopo aver annunciato l’intesa con le Nazioni Unite, fonti vicini all’ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu e al ministro degli Interni Arye Dery, avevano sottolineato che il governo era stato “costretto” ad annullare il piano di espulsione di massa “a causa di considerazioni legali e difficoltà politiche per conto di paesi terzi”.

Il piano di espulsioni di massa prevedeva che venissero dati a ciascun profugo 3.500 dollari e un biglietto aereo per lasciare Israele.  Chi non avesse accettato di lasciare Israele, avrebbe rischiato il carcere a tempo indeterminato.

Dopo che a gennaio il governo di Netanyahu aveva comunicato agli immigrati che avrebbero dovuto lasciare Israele entro 60 giorni, l’Alta Corte di Giustizia israeliana ha bloccato l’attuazione del piano, dicendo che la segretezza al riguardo mette a rischio la sicurezza degli immigrati.

L’ong Amnesty International aveva duramente criticato l’iniziativa di Tel Aviv.

“La politica israeliana di espellere richiedenti asilo provenienti dall’Africa verso due non specificati paesi africani è un’abdicazione alle responsabilità nei confronti dei richiedenti asilo e un tipico esempio di quelle misure crudeli che stanno alimentando la crisi globale dei rifugiati”, aveva scritto Amnesty International.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: 35 persone contagiate dal Langya
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”
Esteri / Trump, l’Fbi ha perquisito la casa dell’ex presidente in Florida. Portate via scatole di documenti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: 35 persone contagiate dal Langya
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”
Esteri / Trump, l’Fbi ha perquisito la casa dell’ex presidente in Florida. Portate via scatole di documenti
Esteri / È morta Olivia Newton-John: la star di “Grease” aveva 73 anni
Esteri / Congo, i Caschi Blu sparano e uccidono civili: il fallimento dell’Onu di cui nessuno parla
Esteri / Taiwan prepara due esercitazioni di artiglieria. Si riducono operazioni della Cina, riprendono voli
Esteri / Zaporizhzhia, 40 razzi vicino alla centrale nucleare più grande d’Europa. Aiea: “Rischio di disastro”
Esteri / Raid israeliani su Gaza: sale a 32 il numero dei morti tra cui 6 bambini. Lapid: “Obiettivi raggiunti”
Esteri / Usa, Biden negativo al Covid: “Resterà in isolamento”
Esteri / Regno Unito, è morto Archie: i medici hanno staccato le macchine che lo tenevano in vita