Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Il governo valuta il commissariamento di Inps e Inail

Immagine di copertina

Il commissariamento dei due enti non sembra una prospettiva così impensabile dato lo scontro in corso da mesi tra il ministro dell'Interno Salvini e il presidente dell'Inps, Tito Boeri

Il governo giallo-verde pensa al commissariamento per Inps e Inail: questo quanto fanno sapere dall’Agenzia Ansa, che rivela le mosse dell’esecutivo per risolvere l’empasse della riforma della governance dei due enti (qui tutti gli aggiornamenti).

Il decreto approvato per procedere all’introduzione di Quota 100 e del Reddito di cittadinanza dovrebbe prevedere anche il ritorno dei consigli di amministrazione per Inps e Inail e la nomina dei commissari.

In questo modo verrebbe meno la figura monocratica e tornerebbe ad esserci a una struttura collegiale, ossia quel consiglio di amministrazione che era stato cancellato nel 2010 dal governo Berlusconi-Tremonti con l’articolo 7 del decreto 78.

Se le indiscrezioni di Ansa dovessero rivelarsi corrette, ci sarà più tempo per la nomina dei Cda e dei presidenti (che potrebbero essere gli stessi commissari), come già accaduto per l’Inps con Sassi e Mastrapasqua.

L’attuale presidente dell’Inps, Tito Boeri, è quasi alla fine del suo mandato, che scade il 16 febbraio, mentre quello dell’Inail Massimo De Felice termina il suo mandato quadriennale, riconfermato dal governo Renzi, il 15 novembre del 2020.

Il commissariamento dei due enti non sembra una prospettiva così impensabile se si pensa allo scontro in corso da mesi tra il ministro dell’Interno Salvini e il presidente dell’Inps, Tito Boeri, che si era sempre detto contrario alla riforma delle pensioni tanto voluta dal vicepremier.

L’ultimo botta e risposta risale a pochi mesi fa, prima dell’approvazione finale della manovra, con Salvini che aveva ancora una volta chiesto a Boeri di presentare le sue dimissioni da presidente dell’Inps, suggerendogli anche di candidarsi alle primarie del Pd.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI