Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

I gay italiani hanno paura

Immagine di copertina

Un sondaggio dell'UE condanna il nostro Paese, in fondo a tutte le classifiche quando si parla di libertà sessuale

Simone, Roberto, Andrea avevano 21, 14 e 15 anni quando si sono tolti la vita. Sono vittime di un paese in cui essere gay significa soffrire: l’Italia.

Non li ha uccisi nessuno, ma qualcuno ha fatto loro abbastanza male da portarli a un gesto così disperato. Chi è stato non ha colpe perché, come ha scritto su Facebook un altro ragazzo suicida rimasto anonimo, “in Italia insultare un omosessuale non è reato”.


La discriminazione comincia quando si è piccoli e continua nel mondo degli adulti. Pochi anni fa un’insegnante dell’Istituto Sacro Cuore a Trento è stata licenziata perché sospettata di essere lesbica.

Ne hanno parlato i diretti interessati: nel 2014 93 mila membri della comunità Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transgender) sono stati intervistati per un sondaggio condotto dall’Unione Europea

L’Italia risulta in fondo a tutte le classifiche quando si parla di libertà sessuale a scuola, sul posto di lavoro o al momento di accedere ai servizi.

In Italia l’omofobia è così diffusa che il 96 per cento degli intervistati lamenta di essere vittima di battute infelici e l’80 per cento pensa che gli italiani siano propensi a compiere gesti di odio e avversione nei loro confronti.

I politici sono percepiti come i più ostili, con il 91 per cento che considera offensive le loro dichiarazioni contro il 44 per cento della media europea.

Fin qui le parole. Poi c’è chi alza le mani: le aggressioni fisiche sono temute dal 69 per cento contro il 38 per cento del campione totale.

In Europa 1 persona su 3 si sente vittima di un trattamento discriminatorio, in Italia il 92 per cento.


L’unica alternativa resta nascondersi: per timore di molestie e minacce, il 72 per cento sceglie di non tenere la mano al proprio partner.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI