Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Il Governo a Bruxelles blocca Poseidon, il gasdotto del Mediterraneo orientale

Immagine di copertina
Fonte: Edison

L'opera dovrebbe portare il gas dai giacimenti al largo di Israele fino alle coste dell'Italia, passando per Cipro e Grecia

Il Governo giallo-verde ha bloccato in sede Ue i lavori per la realizzazione del gasdotto EastMed-Poseidon.

Il progetto da oltre sei miliardi di euro e ritenuto dalla Commissione europea “di interesse comune” avrebbe dovuto portare il gas dai giacimenti al largo di Israele fino alle coste dell’Italia, passando per Cipro e Grecia.

> Riserve di gas nel Mediterraneo orientale: cosa sta succedendo e cosa c’entra l’Italia

In Italia, il gasdotto dovrebbe approdare a Otranto, in Puglia, a pochi chilometri da Melendugno dove è già in costruzione il tratto finale del Tap.

Cos’è il Tap, il gasdotto che divide Lega e 5 Stelle

L’Ue aveva già stanziato circa 100 milioni di euro per gli studi di fattibilità ed era in attesa del via libero definitivo dei Governi dei paesi coinvolti.

Il gasdotto era stato progettato per portare in Europa 15-20 miliardi di metri cubi di gas naturale l’anno per continuare nella diversificazione energetica del continente e ridurre la dipendenza dalla Russia.

Il progetto EastMed-Poseidon aveva ricevuto l’approvazione da parte dei precedenti governi: era stato proprio l’ex ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, a firmare nel 2017 una dichiarazione congiunta con gli omologhi di Israele, Cipro e Grecia.

Entro fine marzo i governi coinvolti nel progetto avrebbero dovuto approvare definitivamente i lavori di costruzione del gasdotto, ma l’Italia ha chiesto di rimandare.

Il ministro dell’Interno Salvini, in visita a febbraio 2019 in Israele, aveva espresso il suo appoggio al progetto, ma per i 5 Stelle schierarsi in favore del gasdotto non è così semplice.

> Perché la visita di Matteo Salvini in Israele ha fatto tanto discutere

Il Movimento deve già fare i conti con il malcontento degli elettori pugliesi per la Tap (e l’Ilva), per cui approvare una nuova opera destinata ad approdare ancora una volta nella regione sarebbe un duro colpo a livello elettorale.

Prima del voto a Bruxelles, inoltre, più di 30 associazioni hanno inviato una lettera a Conte, Di Maio e al ministro dell’Ambiente Costa in cui chiedevano di bloccare l’opera.

Il ministero dell’Ambiente avrebbe ordinato una nuova valutazione di impatto ambientale.

Ti potrebbe interessare
Economia / Recovery Plan, The Good Lobby: “Servono nuove regole e più coinvolgimento dei cittadini per monitorare l’utilizzo dei fondi”
Economia / L’Antitrust Ue apre un’indagine su Google per abuso di posizione dominante
Economia / Pnrr, l’Osservatorio civico: “Nessuna semplificazione a discapito della trasparenza e della partecipazione”
Ti potrebbe interessare
Economia / Recovery Plan, The Good Lobby: “Servono nuove regole e più coinvolgimento dei cittadini per monitorare l’utilizzo dei fondi”
Economia / L’Antitrust Ue apre un’indagine su Google per abuso di posizione dominante
Economia / Pnrr, l’Osservatorio civico: “Nessuna semplificazione a discapito della trasparenza e della partecipazione”
Economia / Ricavi record per il Re dei vaccini: a Pfizer 26 miliardi di dollari. Tassati solo al 6%
Economia / Adil e Luana, vittime dei “nuovi” caporali del Covid (di Luca Telese)
Economia / Un neo-laureato su 3 rimane disoccupato: penalizzati i giovani del Sud e le donne
Economia / "Caro Draghi, su Ilva e Stellantis non esiste una politica industriale. Sui licenziamenti scendiamo in piazza": intervista a Re David (Fiom)
Economia / La ripresa degli investimenti pubblici in Italia
Economia / Verso un modello di sviluppo “verde” e inclusivo: SACE pubblica il Bilancio di Sostenibilità
Economia / Il cambiamento climatico rischia di essere un boomerang per i Petro-Stati, svalutando i giacimenti