Covid ultime 24h
casi +19.143
deceduti +91
tamponi +182.032
terapie intensive +57

GDPR: solo il 5 per cento degli utenti di Internet di tutta Europa rifiuta l’utilizzo dei cookie per ricevere pubblicità personalizzate

Di Laura Melissari
Pubblicato il 14 Nov. 2018 alle 19:04
0
Immagine di copertina

Teads, The Global Media Platform, oggi inaugura un report settimanale che racconta lo stato di allineamento dei publisher europei alle nuove direttive del General Data Protection Regulation (GDPR).

Questo barometro di Teads fa riferimento agli editori che lavorano sulla piattaforma e può essere considerato ampiamente rappresentativo del mercato europeo poiché riflette i due terzi dei 300 editori mondiali della classifica di comScore.

I risultati più significativi sono stati raggruppati ed elencati di seguito: il 63 per cento del traffico degli editori europei passa attraverso una piattaforma di gestione del consenso (CMP) che permette agli utenti di esprimere la propria preferenza e agli editori di adeguarsi alla normativa in vigore.

Il 50 per cento degli utenti di Internet di tutta Europa ha accettato o rifiutato il consenso all’utilizzo dei cookie con l’obiettivo di generare advertising targettizzato. Ben il 95 per cento di questi utenti ha espresso il proprio consenso al raccoglimento di dati, contro un significativamente basso 5 per cento che, invece, lo ha rifiutato.

Teads è al lavoro per guidare i publisher europei che ancora non hanno provveduto all’implementazione della Consent Management Platform nel processo di allineamento alla nuova legge.

Secondo quanto registrato da Teads, il 63 per cento del traffico dei publisher di tutta Europa passa attraverso una piattaforma (CMP) che permette agli utenti di accettare o rifiutare l’utilizzo dei cookie ai fini di profilazione.

La Spagna guida il processo di adozione della CMP con un tasso di implementazione dell’82,83 per cento, l’Paesi Bassi si posiziona subito dopo con un 82,82 per cento, mentre Francia e UK registrano rispettivamente il 71,08 per cento e il 67,93 per cento di presenza.

Quando si tratta di fornire il proprio consenso all’utilizzo dei cookie per ricevere pubblicità più personalizzate, solo una piccola percentuale di utenti rifiuta.

Questo dato è notevolmente significativo, soprattutto se si considera tutto ciò che si è detto nella industry riguardo al tema privacy.

La percentuale di rifiuto del consenso si aggira attorno al 5% in tutta Europa con un tasso di poco più alto in Inghilterra (7 per cento) ed è, invece, più bassa, in Francia (4 per cento), Paesi Bassi (3 per cento), Spagna e Italia (2 per cento).

I dati riguardanti la situazione in Germania non sono disponibili poiché la maggior parte dei publisher tedeschi non risponde alla normativa sul consenso dell’utente ma fa ricorso al cosiddetto “legittimo interesse” per erogare pubblicità personalizzate.

Questi dati rappresentano la percentuale di adozione delle CMP all’interno della piattaforma Teads che vanta una reach superiore all’85 per cento raggiungendo oltre 1,2 miliardi di utenti unici nei principali mercati europei.

Proprio per questo motivo, i dati riflettono in maniera altamente significativa lo stato attuale dell’ecosistema media in Europa. “L’adozione diffusa del Consent Management Framework di IAB da parte dell’industry ha permesso di soddisfare tutti i requisiti richiesti dal GDPR in tempi record.

Il nostro lavoro è da tempo focalizzato ad indirizzare gli editori verso l’implementazione delle piattaforme di gestione del consenso per procedere ancora più velocemente verso questa direzione” commenta Pierre Chappaz, Founder & Executive Chairman di Teads.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.