Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

I giganti del web e i paesi del G7 si accordano per contrastare il terrorismo online

Immagine di copertina
G7 ischia. Credit: / AFP PHOTO / Andreas SOLARO

L'intesa prevede la creazione di un sistema in grado di filtrare contenuti inneggianti all'estremismo e al fanatismo

Giovedì 19 ottobre 2017 è iniziato a Ischia il vertice dei ministri dell’Interno del G7. Nella giornata di venerdì 20 ottobre, i paesi membri e i giganti del web tra cui Google, Facebook e Twitter hanno accettato di lavorare insieme per bloccare la diffusione di contenuti che inneggino o favoriscano la radicalizzazione online.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’obiettivo è impedire che sermoni inneggianti alla violenza, inviti alla jihad, istruzioni per compiere attentati e realizzare ordigni rudimentali possano circolare liberamente in rete e arrivare a destinazione. 

Il ministro del governo italiano Marco Minniti ha contribuito al raggiungimento dell’accordo assieme ai suoi omologhi Gerard Collomb (Francia), Thomas de Maizière (Germania), Sanae Takaichi (Giappone), Ahmed Hussen (Canada), Ryan Zinke (Stati Uniti) e Amber Rudd (Regno Unito).

“Questi sono i primi passi verso una grande alleanza in nome della libertà”, ha detto Minniti, sottolineando il pericolo rappresentato da Internet per “la formazione e l’indottrinamento estremista”.

Sarà così sviluppato un enorme database in cui, a livello globale, verranno etichettati e bloccati video, audio, foto e slogan a sostegno del terrorismo.

Gli strumenti per contrastare quello che Minniti ha definito il “malware del terrore” sono di fatto già stati individuati: dei filtri che blocchino i contenuti a rischio, selezionando e isolando documenti contenenti alcune parole chiave. Il tutto grazie alla disponibilità dei colossi della Silicon Valley.

Già lo scorso giugno, Facebook, Microsoft, Twitter e YouTube avevano annunciato il lancio di una partnership anti-terrorismo, il “Global Internet Forum per contrastare il terrorismo”, volto a prevenire la diffusione di contenuti estremisti sul web.

Facebook ha lanciato campagne simili in Belgio, Regno Unito, Francia e Germania, con lo scopo di implementare “best practices”anche per le aziende.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI