Me

Forza Nuova organizza una preghiera riparatrice contro il Gay Pride in Brianza, ma le suore li allontanano

Di Laura Melissari
Pubblicato il 6 Lug. 2019 alle 14:33 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 19:53
Immagine di copertina

Forza Nuova preghiera gay pride suore | Oltre il danno, la beffa. I militanti di Forza Nuova avevano organizzato una preghiera di riparazione per il Gay pride in Brianza, ma le suore Sacramentine li hanno allontanati dal sagrato della Chiesa. È successo a Monza, dove il gruppo aveva iniziato a recitare un rosario davanti al convento delle monache. Una di loro, uscendo dal convento ha chiesto al movimento di estrema destra di allontanarsi dal sagrato.

Forza Nuova, insieme al comitato Teodolinda, Militia Christi, Famiglie numerose cattoliche, il comitato Viva Cristo re e altre realtà, aveva anche inviato una lettera al questore contro la parata dell’orgoglio gay in cui si battevano per la difesa della”fede, dignità e onorabilità” dei cittadini di Monza.

I movimenti cattolici e di destra avevano chiesto al questore “se ritiene di prendere provvedimenti affinché nessun cittadino venga offeso nella sua dignità, fede e onorabilità”.

Il gay pride in Brianza non ha il patrocinio del Comune.

Sulla pagina del comitato Teodolinda viene riferito l’accaduto, scrivendo: “Ringraziamo tutti i partecipanti al Rosario di ieri sera, sono stati momenti molto belli. Purtroppo ci sono persone che hanno ricamato su ipotetiche strumentalizzazioni, e così probabilmente è stato percepito anche da chi ci ha invitato ad uscire dal Sagrato. Come potete vedere nessuno slogan e nessun simbolo di partito è stato esposto, se non ci credete potete chiederlo anche a quelle ragazze che sono state tutto il tempo davanti a noi con la loro protesta oppure al ragazzo che fugacemente ci ha lasciato un messaggio. Noi abbiamo recitato un Rosario”.

Qui la lettera al questore:

Gay Pride 2019: tutti gli appuntamenti in Italia e in Europa