Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

I Radicali in piazza per “riaccendere il dibattito” sulla cannabis

Immagine di copertina

I Radicali non si arrendono e proseguono nella loro battaglia per la legalizzazione della cannabis, manifestando sotto palazzo Montecitorio.

Il 28 febbraio 2019 i militanti hanno organizzato un flash mob “stupefacente”: oltre a cartelloni e slogan, i radicali hanno anche portato con sé una canna gigante con la scritta provocatoria Accendiamo il dibattito.

“Mentre nel governo c’è chi annuncia una nuova guerra alla droga e spende i soldi dei cittadini per mandare le forze dell’ordine nelle scuole a perquisire gli studenti, noi chiediamo di accendere un dibattito serio e responsabile sulla legalizzazione della cannabis”.

Questo quanto si legge sulla pagina Facebook dei Radicali, che annunciano anche il loro “flash-mob stupefacente in piazza Montecitorio”.

“Un italiano su tre, tra i 15 e i 64 anni, ha usato sostanze illegali nel corso della vita. Chi governa può scegliere di criminalizzarli tutti, persino decidere di arrestarli tutti”, scrivono ancora i Radicali.

“Oppure potrebbe rendersi conto che il proibizionismo ha fallito e che la cannabis legale è l’unico modo per rendere sicuro il consumo e togliere soprattutto i più giovani dalle mani della criminalità”.

La legalizzazione della cannabis è una delle più lunghe battaglie portata avanti da sempre da i Radicali.

“È arrivato il momento di piantarla con l’ipocrisia e mandare in fumo gli introiti della criminalità. È una questione di libertà, per scegliere responsabilmente, curarsi o intraprendere un’attività economica nella piena legalità”.

La legalizzazione della cannabis, secondo i Radicali, garantirebbe anche uno snellimento del lavoro dei giudici e un alleggerimento del numero di carcerati.

“Le carceri esplodono e le scrivanie dei magistrati non reggono il peso dei fascicoli aperti contro i pesci piccoli del grande giro d’affari della droga che vive sulle spalle di decenni di politiche proibizioniste. La legalizzazione riguarda chi fuma e chi no, perché le proibizioni ideologiche e i mezzi per attuarle toccano il profondo dei nostri diritti civili e politici”.

Qui l’appello per chiedere al Parlamento di legalizzare la cannabis

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI