Coronavirus:
positivi 47.986
deceduti 33.142
guariti 150.604

Doping, Filippo Magnini squalificato per quattro anni? No, il Tas lo scagiona

Di Marco Nepi
Pubblicato il 6 Nov. 2018 alle 16:49 Aggiornato il 27 Feb. 2020 alle 13:46
0
Immagine di copertina

AGGIORNAMENTO 27 FEBBRAIO 2020 – Filippo Magnini è stato scagionato: il Tas, la corte di arbitrato sportivo di Losanna, ha ribaltato la sentenza del Tna italiano che, sia in primo che in secondo grado, aveva squalificato 4 anni il bicampione del mondo dei 100 sl, ormai ritiratosi.

Doping, Filippo Magnini squalificato per quattro anni

La prima sezione del Tribunale nazionale antidoping ha squalificato Filippo Magnini per doping per quattro anni.

L’ex nuotatore azzurro è stato riconosciuto colpevole di aver violato l’articolo 2.2 del codice Wada, che disciplina l’uso o il tentato uso di sostanze dopanti. Sono cadute invece le altre accuse di favoreggiamento e somministrazione o tentata somministrazione di sostanze.

La Procura sportiva aveva chiesto una squalifica di 8 anni.

È stato squalificato per quattro anni anche il nuotatore Michele Santucci per avere violato lo stesso articolo del codice Wada.

“Faremo appello e se dovesse servire, arriveremo fino al Tas”, aveva dichiarato il giorno prima della sentenza Francesco Compagna, avvocato dell’ex stileliberista.

Magnini: “Una sentenza ridicola” – “Questa sentenza è ridicola, non ho fatto nulla: ecco perchè sono dispiaciuto e arrabbiato”, sono state le prime parole di commento dell’ex nuotatore. “Con i miei avvocati ci stiamo chiedendo alcune cose, per esempio a chi potrei aver pestato i piedi”.

Le accuse – La vicenda giudiziaria del nuotatore era iniziata con un’ inchiesta per doping, condotta dalla Procura di Pesaro, sul suo ex nutrizionista, il medico pesarese Guido Porcellini, e l’amico e collaboratore di quest’ultimo, Antonio Maria De Grandis. Entrambi erano stati attenzianti dai Nas per un presunto traffico di sostanze dopanti importate dall’estero e in particolare dalla Cina. Sostanze che, secondo le carte della Procura, erano destinate a diversi sportivi.

In sede sportiva, il medico Porcellini è stato già condannato a 30 anni di inibizione.

Chi è Filippo Magnini –  Nato a Pesaro, Magnini, oggi 36enne, è considerato uno dei migliori stileliberisti italiani. Le sue specialità sono le distanze brevi, in particolare i cento metri.

Nel 2004 a Madrid ha vinto il suo primo titolo europeo e nello stesso anno ha partecipato alle Olimpiadi di Atene, conquistando un terzo posto con la staffetta 4×1000 in stile libero.

Nel 2005 a Montreal ha ottenuto il titolo di “campione del mondo” nella gara dei 100 stile libero: è stato il primo oro nei 100 stile libero nella storia del nuoto italiano.

Nel 2006 a Budapest Magnini è confermato specialisti nei 100 stile libero e nel 2007 a Melbourne vince per la seconda volta il titolo mondiale.

Nel 2017 ha annunciato a sorpresa l’addio al nuoto.

Spesso sulle pagine dei giornali rosa, Magnini è stato legato alla campionessa e collega Federica Pellegrini. Ora, è legato alla showgirl Giorgia Palma.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.