Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Secondo l’Espresso Giulio Regeni è stato tradito dalla sua migliore amica

Immagine di copertina

La giornalista del settimanale, Floriana Bulfon, ha ricostruito la vicenda. Secondo l'inchiesta fu Noura Wahby, egiziana, compagna di studi a Cambridge, a tradirlo

Giulio è stato tradito dalla sua migliore amica. La giornalista del settimanale l’Espresso, Floriana Bulfon, ha ricostruito la vicenda. “Sappiamo, ed è dolorosissimo, che per paura o per varie forme di meschinità anche molti amici egiziani di Giulio lo hanno tradito o venduto”, aveva detto un mese fa l’avvocato della famiglia Regeni in Senato. Secondo l’Espresso sarebbe stata Noura Wahby, egiziana, compagna di studi a Cambridge, che rivelò: “Giulio è il mio miglior amico”.

Fu lei, come riferisce l’Espresso, a lanciare l’allarme della sua scomparsa il 25 gennaio 2016. “Ma ora qualcosa nel suo comportamento desta perplessità”, scrive Bulfon.

Secondo la ricostruzione, il 13 ottobre, quando Giulio incontra per la prima volta Mohamed Abdallah, il sindacalista che poi l’ha tradito e consegnato nelle mani dei carnefici, Noura fa una telefonata a una persona, che pochi secondi dopo chiama il quartier generale della National security. Questo si ripete per una quindicina di volte.

A svelarlo sono le comparazioni incrociate dal Ros dei Carabinieri. La procura di Roma ha fatto richiesta a Cambridge per sentire Noura, ma non ha avuto risposte, dal momento che la donna ha deciso di non parlare con le autorità italiane. Ha rilasciato solo qualche dichiarazione, contraddittoria all’Fbi, nelle quali sostiene che le telefonate siano pura casualità.

Sul suo profilo Facebook il 1 febbraio scriveva “Trovatelo, per favore”, poche ore prima che il ricercatore italiano venisse ucciso.

Secondo Bulfon, la ragazza parlò con le autorità egiziane, alla presenza degli investigatori italiani, solo il 18 febbraio 2016, raccontando che Giulio le aveva confidato che un tassista lo additò come “spia” quando lui gli rivelò di essere uno studente. Raccontò inoltre che la scheda sim egiziana utilizzata dal ricercatore italiano era intestata a lei.

Alla procura di Roma molte cose non tornano, ma il Cairo non accenna a dare risposte.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI