Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Enzo Iacchetti: “Ho votato il M5s, ma ora ho l’amaro in bocca. Una volta il mio mito era Berlinguer”

Immagine di copertina

Enzo Iacchetti, attore e storico presentatore tv da sempre alla guida del Tg satirico di Canale 5 Striscia la Notizia, in un’intervista rilasciata al quotidiano La Verità ha espresso la sua opinione sul Movimento 5 stelle.

Il conduttore, che il 4 marzo scorso ha dato il suo voto ai pentastellati, ha però spiegato di esserne molto deluso: “Come me anche altri – che li hanno votati – hanno l’amaro in bocca”. “Arrivati al vertice, sono apparsi più impegnati ad accaparrarsi seggiole e poltrone, che a mantenere le promesse“, ha dichiarato Iacchetti.

Il presentatore tv nella stessa intervista ha inoltre raccontato che in passato votava per il Partito comunista italiano (Pci): “Ho avuto il mito di Enrico Berlinguer, poi ho smesso perfino di andare a votare”.

Il Movimento guidato da Luigi Di Maio, comunque, non è l’unica parte del governo del Cambiamento ad aver deluso Iacchetti: “Di Matteo Salvini non mi piace il modo di porsi – ha infatti aggiunto il conduttore – di affrontare i problemi, il linguaggio e il messaggio basato sull’amplificazione delle paure della gente, soprattutto delle fasce più deboli e meno protette che la sinistra ha progressivamente dimenticato. Del resto, Umberto Bossi non era pure lui nel Pci? E Roberto Maroni non simpatizzava per Democrazia Proletaria?”, ha poi concluso.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI