Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Drag queen con la sindrome di down, la disabilità contro gli stereotipi

Immagine di copertina

Drag Queen down | Unire il modo drag, la disabilità e la lotta a ogni tipo di stereotipo, tutto in nome dell’inclusione sociale e culturale: questi i presupposti che nel 2018 hanno portato alla nascita della “sindrome drag”, la prima compagnia drag composta da persone down.

A far esprimere i ragazzi con danza, canto e intrattenimento il coreografo Daniel Vais e Clara Linch produttrice dello spettacolo “unDISTURBED” attualmente in scena nel programma giovani produzioni della Royal Albert Hall.

Credit: ItvNews

La “sindrome di drag” sono Lady Francesca, Horra Shebang, Gaia Callas e Justin Bond: un collettivo di artisti con la sindrome di down che hanno scelto di provare l’esperienza di drag queen o drag king per esprimere a pieno loro stessi.

Sono ragazzi e ragazzi che frequentano il college, escono, si divertono, prendono spunto dai grandi idoli musicali per le loro perfomance, amano ballare ed esibirsi per il loro pubblico: quelli che portano in scena non sono solo dei personaggi ma parte di loro stessi, aiutando a coltivare anche la loro autostima.

Purtroppo non tutti comprendono il valore e l’importanza di dare una possibilità del genere anche a persone affette da sindrome di down come confermano gli organizzatori che hanno dovuto confrontarsi con insulti sul web e accuse di strumentalizzazione.

Ma a chi mostra sdegno nei confronti dei loro spettacoli, presto anche su palchi prestigiosi come quello di Glastonbury, i ragazzi rispondono: “Non vi piacciamo? Non venite a vederci”.

Ecco come le pagine Facebook sfruttano disabili e malati per fare soldi

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI