Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Diciotti, si aggrava la posizione di Salvini: la procura formula nuove accuse

Immagine di copertina
Matteo Salvini e i migranti sulla nave Diciotti

Al ministro dell'Interno contestati anche i reati di sequestro di persona a scopo di coazione e omissione di atti d'ufficio

La procura di Agrigento avrebbe formulato nuove accuse nei confronti di Matteo Salvini nell’inchiesta sul caso Diciotti.

Secondo quanto riporta Agi, i magistrati hanno ipotizzato a carico del leader della Lega anche il reato di sequestro di persona a scopo di coazione, poiché il vicepremier avrebbe impedito lo sbarco dei migranti con lo scopo di esercitare pressioni sulle istituzioni europee, nonché di quello di omissione di atti d’ufficio, poiché avrebbe ignorato la richiesta della Guardia Costiera di un porto sicuro, indicando Catania come scalo tecnico.

Attualmente Salvini è indagato per i reati di sequestro di persona, arresto illegale e abuso d’ufficio, insieme al suo capo di gabinetto Matteo Piantedosi.

Mercoledì 29 agosto il procuratore Luigi Patronaggio ha chiesto i nomi di tutti i migranti presenti sulla Diciotti: l’identificazione è funzionale a permettere ai migranti di costituirsi in giudizio contro Salvini.

Venerdì 31 agosto la procura di Agrigento dovrebbe inviare gli atti dell’indagine al capo della procura distrettuale di Palermo – il procuratore della Repubblica, Francesco Lo Voi – che poi dovrà inoltrarlo alla sezione distrettuale di Palermo del Tribunale dei ministri.

La nave Diciotti è rimasta bloccata per cinque giorni al porto di Catania senza che i quasi 150 migranti a bordo potessero sbarcare. Tre procure siciliane hanno aperto delle indagini.

Oltre al procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, che mercoledì 22 agosto è salito a bordo della Diciotti per un’ispezione, stanno indagando anche le procure di Catania e di Palermo.

La procura di Catania ha aperto un fascicolo di ‘atti relativi’: accertamenti preliminari per vedere se siano ipotizzabili reati e che potrebbero poi portare alla apertura di un’inchiesta vera e propria.

La dda di Palermo invece ha aperto un fascicolo per associazione a delinquere “finalizzata al traffico di migranti” e associazione a delinquere “finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”.

In un’intervista rilasciata al Messaggero lunedì 27 agosto, Salvini ha dichiarato che l’indagine si rivelerà “un boomerang” per i pm, e che il suo governo ha intenzione di mettere mano alla riforma della giustizia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI