Di Battista con i gilet gialli: “Richieste sacrosante. Il Movimento li sostenga”

Secondo Di Battista bisogna battersi contro la globalizzazione e sostenere il movimento francese dei gilet gialli

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 10 Dic. 2018 alle 12:55 Aggiornato il 10 Dic. 2018 alle 12:56
0
Immagine di copertina

Nelle fila dei sostenitori dei gilet gialli, il movimento nato per protestare contro il caro benzina in Francia, si è inserito anche Alessandro Di Battista, esponente di spicco del Movimento 5 Stelle che fa sapere la sua tramite un post su Facebook scritto dal Centro America.

“Le richieste dei gilet gialli sono sacrosante, così come sacrosanta è la loro battaglia contro questa stramaledettissima globalizzazione che – tra l’altro – oltre ad aver distrutto diritti sociali ad ogni latitudine ed aver provocato l’esplosione degli esodi di massa, ha addirittura tradito il suo mandato. Altro che libero mercato, il sistema neoliberista negli ultimi 20 anni ha solo rinvigorito i monopoli delle élite”.

Questo il messaggio di Di Battista, che oltre ad esprimere un’opinione personale su quanto sta accadendo in Francia lancia un appello ai 5 Stelle.

“Credo che il Movimento 5 Stelle debba dare il massimo supporto a questo movimento di cittadini francesi che chiede diritti, salari giusti, la fine dell’impero delle privatizzazioni e il controllo della finanza da parte degli Stati”.

Non manca un commento anche alla manifestazione No Tav che si è tenuta a Torino l’8 dicembre e a cui ha preso parte anche una delegazione proveniente dalla Francia.

“Ho letto che una delegazione di gilet gialli è stata presente ieri alla manifestazione NoTav. Che meravigliosa notizia! Forse anche per questo una delle manifestazioni meglio riuscite degli ultimi anni è stata così ignorata dai media”.

“Penso ai cittadini scesi in piazza a Torino, esempio di lotta consapevole, penso alla nazionalizzazione di autostrade, penso al diritto dei migranti di stare a casa loro, diritto negato proprio dalle conseguenze della globalizzazione, penso alle guerre di invasione trasformate in missioni di pace dalle quali è bene uscire il prima possibile, penso alla necessità di un reddito universale perché in tempi di intelligenza artificiale e robotica la piena occupazione sarà un’illusione, penso ai ‘macroniani’ d’Italia”

In chiusura, un ultimo messaggio ai pentastellati: “Il Movimento combatta le battaglie giuste sempre e comunque ricordandosi che i conti si fanno alla fine e che i sondaggi lasciano il tempo che trovano”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.