Covid ultime 24h
casi +29.003
deceduti +822
tamponi +232.711
terapie intensive -2

Cosa fare se scopri che tuo figlio è un bullo

Dopo il caso di Vigevano, l'associazione Telefono Azzurro ha diffuso una guida che aiuti i genitori a riconoscere e a prevenire il bullismo

Di TPI
Pubblicato il 14 Mar. 2017 alle 16:21
0
Immagine di copertina

Martedì 14 marzo 2017 i carabinieri di Vigevano hanno sgominato una banda di minorenni che prendeva di mira compagni di classe e vicini di casa ritenuti più deboli, compiendo una serie di violenze e abusi raccapriccianti. Questi atti sono stati circondati da un muro di omertà che ha consentito ai bulli di perpetuare nel tempo le loro violenze.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’episodio ha portato la onlus Telefono Azzurro, che difende i diritti dell’infanzia in Italia, a redigere una guida che aiuti i genitori a individuare gli elementi distintivi che caratterizzano il bullismo per individuarlo prima possibile. Anche quando il bullo è il proprio figlio.

A prova di bullo – La Guida per i genitori per informarsi bene e agire al meglio è nata grazie al lavoro di Enable – un network internazionale che coinvolge diversi paesi, tra cui Belgio, Croazia, Danimarca, Grecia e Regno Unito. 

Il Telefono Azzurro ha gestito nel 2016 in media di un caso al giorno tramite il team di operatori e psicologi operativi 24 ore su 24 alla linea d’ascolto gratuita 1.96.96 e la chat su azzurro.it, un filo diretto attivo da trent’anni e costantemente al fianco delle vittime di violenze soprusi.

Le segnalazioni di episodi di bullismo e cyberbullismo riguardano il 10 per cento delle richieste di aiuto rivolte alla onlus. Queste provengono per il 46 per cento dal nord Italia, per il 31 per cento da sud e isole e per il 23 per cento dal centro. Il 35 per cento degli studenti dichiara di essere stato oggetto di bullismo psicologico a scuola.

“Occorrono una legge e un piano definitivo in grado di produrre interventi immediati”, dichiara Ernesto Caffo, presidente di Telefono Azzurro e docente di Neuropsichiatria Infantile. “Accanto a questo, occorre valorizzare le azioni preventive e il ruolo degli adulti: far sì, quindi, che i bambini possano crescere accompagnati da genitori e insegnanti e le vittime si sentano libere da vergogna nel denunciare, sostenute, credute e aiutate con molta attenzione, competenza e sensibilità. Nelle scuole, nelle linee di ascolto e nel rapporto quotidiano con bambini e adolescenti respiriamo un bisogno di risposte concrete. E di una necessità diffusa di informazione”.

Qui sotto una parte di “A prova di bullo – La Guida per i genitori per informarsi bene e agire al meglio

Gli atti di bullismo non scaturiscono da una sola causa, ma da un insieme di fattori diversi. 

Per i genitori dei bulli

Sebbene sia normale che vi sentiate delusi e amareggiati nell’apprendere che vostro figlio sia direttamente coinvolto in una situazione di bullismo, provate a mantenere la calma, e prendetevi del tempo per riflettere su come intervenire in modo concreto:

Spiegate con tranquillità a vostro figlio che quello che sta facendo è scorretto.

Cercate di spiegare a vostro figlio che è il suo comportamento, non lui in sé, che va condannato e corretto.

Analizzate attentamente la situazione: discutete con vostro figlio dei segnali e delle conseguenze del bullismo e chiedetegli come si sentirebbe se dovesse subire lo stesso trattamento da parte di altri. A volte i ragazzi non si rendono conto che il loro comportamento si connota come bullismo.

Spiegate a vostro figlio come pensate di agire, se ad esempio intendete allertare la scuola, e come vi aspettate che lui si comporti (ad esempio che si scusi con la persona che ha infastidito o aggredito o che gli scriva una lettera).

Assicuratevi che vostro figlio disponga di tempo e di spazi adeguati per ragionare con voi sul proprio comportamento.

Per prevenire i casi di bullismo

Condividete le vostre preoccupazioni con la scuola, e chiedete loro di tenere d’occhio vostro figlio, facendo però attenzione ad essere discreti.

Segnalate il bullo ad un insegnante o al dirigente scolastico.

A prescindere da come deciderete di agire, è consigliabile definire con vostro figlio un piano d’azione comune, condividendo con lui tutte le misure che adotterete per far fronte al bullo e migliorare la situazione.

Dite al ragazzo di non reagire: è esattamente quello su cui il bullo conta.

Tenete un registro: raccogliete quante più informazioni possibile riguardo a quanto avviene e al bullo, così da poter esaminare al meglio la situazione. Se le molestie avvengono online, raccogliete prove fotografando, stampando e copiando le schermate dei messaggi incriminanti.

Cercate aiuto: a volte, oltre a chiedere l’aiuto dei genitori, i ragazzi potrebbero sentire il bisogno di rivolgersi a persone terze. In questi casi, l’aiuto di uno psicoterapeuta esperto può essere prezioso. È quindi importante che vostro figlio sappia a chi può chiedere un aiuto.

Ampliate il campo di amicizie e interessi di vostro figlio: incoraggiate vostro figlio a sviluppare amicizie al di fuori della sfera scolastica, e a partecipare ad attività che aiutino a rinforzarne l’autostima e la consapevolezza di sé (come ad esempio recitazione, danza, arti marziali, sport di squadra, associazioni giovanili di quartiere).

Aiutate vostro figlio a coltivare le proprie competenze affettive e socio-relazionali: aiutatelo, ad esempio, a lavorare sulle sue capacità di reazione e di ripresa, a trarre lezioni dagli ostacoli che incontra nella vita quotidiana, a fronteggiare circostanze sfavorevoli e a sviluppare strategie di risposta efficaci.

Allertate la Polizia: se l’aggressione assume caratteristiche più gravi e allarmanti, degenerando ad esempio in episodi di violenza, ricatto o tentata estorsione, o sfociando in episodi di autolesionismo o di tentato suicidio, non esitate a rivolgervi alle autorità locali di Polizia.

Partecipate alle attività scolastiche volte a contrastare il bullismo.

— LEGGI ANCHE: Potresti essere vittima di cyberstalking e non saperlo 

— LEGGI ANCHE: Un insulto può ferire più di un pugno

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.