Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

“Pena di morte per gli omosessuali”: gli agghiaccianti relatori del congresso delle Famiglie voluto da Fontana

Immagine di copertina
Da sinistra: Alexey Komov, Brian Brown, Lucy Akello e Katalin Novak

Pena di morte per gli omosessuali, aborto paragonato a una pratica cannibale, no ai trans negli eserciti.

Sono solo alcune delle parole d’ordine dei relatori del Congresso delle Famiglie, l’evento che si terrà a Verona da venerdì 29 a domenica 31 marzo 2019, fortemente voluto dal ministro per la Famiglia Lorenzo Fontana.

La kermesse radunerà politici, attivisti e personaggi che a vario titolo si oppongono con forza a qualsiasi apertura alle coppie omosessuali e a diritti come quello di abortire.

Ora che l’evento si avvicina e che si conoscono maggiori dettagli sul programma, balzano agli occhi alcuni relatori che, nel corso degli anni, hanno espresso posizioni alquanto retrograde sui diritti civili e sulla famiglia.

Nella maggior parte dei casi lo hanno fatto con frasi esplicite e agghiaccianti.

La parlamentare ugandese Lucy Akello, ad esempio, sostiene che l’omosessualità andrebbe sanzionata con la pena di morte. Sarà tra i relatori di Verona.

Brian Brown, fondatore dell’International Organization for the Family (Iof), la lobby statunitense che organizza l’evento, ha rilasciato dichiarazioni di questo tenore: “L’esercito è per la guerra, non per le erezioni”, una frase che si riferiva alla sua opposizione all’ingresso dei transessuali nell’esercito.

Brown sostiene anche che gli aborti siano la principale causa di femminicidio nel mondo, poiché se le bambine potessero nascere “non verrebbero più uccise”. Da organizzatore della kermesse, manco a dirlo, sarà presente a Verona.

Ma non è finita. All’evento presenzieranno anche Katalin Novak, la vicepresidente della Duma russa, arcigna oppositrice delle famiglie omosessuali,  e Alexey Komov, attivista secondo cui lo stile di vita omosessuale “non è sano”.

Che dire poi di Dmitri Smirnov, arciprete ortodosso che ha definito “assassine e cannibali” le donne che decidono di abortire

Tutti speaker a Verona: in platea ad ascoltarli, tra gli altri, ci saranno il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, il senatore Simone Pillon (promotore della discussa legge sulla bigenitorialità), oltre alla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni e il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI