Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Il Comune italiano che offre fino a 100 euro a chi non prende l’auto

Immagine di copertina

Gli obiettivi dell'incentivo sono la lotta all'inquinamento, un aiuto per i pendolari e benefici per tutta la comunità

Si chiama “fondo pendolari” ed è il sistema istituto dal Comune di Vidigulfo, in provincia di Pavia, per incentivare l’utilizzo di bus e treni, e lasciare le auto ferme.

Gli obiettivi dell’incentivo sono la lotta all’inquinamento, un aiuto per i pendolari e benefici per tutta la comunità.

Chi sceglie di prendere i mezzi pubblici per andare al lavoro riceverà un bonus tra i 70 e i 100 euro. Come spiegato in un’intervista di Today all’assessore alla Mobilità di Vidigulfo Andrea Galbarini: “Il fondo, che ha un plafond massimo di 4.500 euro, è nato per venire incontro ad un’esigenza di molti cittadini”.

“Abbiamo notato – ha spiegato l’assessore al sito – che vi erano molte persone che ogni giorni si spostavano dal nostro Comune verso Milano e Pavia, utilizzando treni e bus. Così abbiamo pensato ad una idea con una duplice veste: dare questo bonus, che è chiaramente di natura simbolica, con la possibilità di spenderlo soltanto nei negozi cittadini che hanno aderito all’iniziativa”.

Ma gli aspetti positivi non si fermano qui. I beneficiari infatti, qualora decidessero di non prendere l’auto personale, potranno anche risparmiare su spese di benzina e caselli autostradali, oltre a ricevere il suddetto bonus.

Oltre al fatto che il beneficio in termini di salute si espanderebbe a tutti: meno automobili in circolazione equivale a meno inquinamento nell’aria.

I requisiti

Il sito Today ha chiesto a Galbarini i requisiti necessari per accedere al bonus e l’assessore ha risposto: “Non si tratta di un’iniziativa prettamente sociale mirata a chi è povero. Il bonus spetta ai titolari di un Isee fino a 18mila euro annui, ma chi non presenta la documentazione può comunque beneficiare dell’incentivo, magari in misura minore, mostrando gli abbonamenti al trasporto pubblico acquistati in precedenza. Ovviamente chi è più povero ha la precedenza, ma con questa idea abbiamo voluto premiare tutti, anche chi si può permettere di prendere la propria auto per andare al lavoro”.

Questa idea, secondo l’assessore, potrebbe essere riprodotta anche altrove: “Il fondo è composto da soldi comunali che vengono poi reinvestiti per la comunità. Credo che in Comuni con 10-15mila abitanti, 5-6mila euro siano troppo pochi, ma se uno vuole qualsiasi ente locale, al di là del Governo in carica, può attuare queste iniziative, che comunque fanno capire che l’amministrazione è vicina ai cittadini”.

Il bonus viene assegnato una sola volta all’anno, con un massimo di due contributi per famiglia.

Sulla pagina Facebook del Comune si legge “Il contributo è rivolto agli studenti e ai lavoratori pendolari che ogni giorno si recano nei luoghi di studio o di lavoro rinunciando al mezzo privato a favore del trasporto pubblico (treno o bus) da e verso Pavia o Milano, rendendo così un servizio alla lotta all’inquinamento”.

Come ottenere il bonus

Le richieste per ottenere il bonus devono essere inviate entro e non oltre venerdì 30 novembre 2018, utilizzando la modulistica disponibile sul sito ufficiale del Comune di Vidigulfo.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / La causa del secolo: la storia delle giovani attiviste che hanno fatto causa allo Stato per inazione climatica
Ambiente / Emergenza siccità, il governo prepara il Dpcm: tutto il Nord in “zona rossa”. A rischio anche Marche e Lazio
Ambiente / Giudizio universale: i cittadini fanno causa allo Stato per “inazione climatica”. Ecco cosa ha deciso il giudice
Ti potrebbe interessare
Ambiente / La causa del secolo: la storia delle giovani attiviste che hanno fatto causa allo Stato per inazione climatica
Ambiente / Emergenza siccità, il governo prepara il Dpcm: tutto il Nord in “zona rossa”. A rischio anche Marche e Lazio
Ambiente / Giudizio universale: i cittadini fanno causa allo Stato per “inazione climatica”. Ecco cosa ha deciso il giudice
Ambiente / Emergenza siccità, l’allarme di Enel: “L’acqua è finita”
Ambiente / Emergenza siccità, il ministro Patuanelli: “Inevitabile dichiarare lo stato di crisi”
Ambiente / Allarme siccità sul Po, chiesto il razionamento dell’acqua in 125 comuni: “Valori mai visti da 70 anni”
Ambiente / Imprese green, bilancio di sostenibilità elemento imprescindibile per creare valore
Ambiente / Le tre semplici regole per una pasta ancora più green
Ambiente / WWF, cambio ai vertici: Daniela Ducato eletta presidente
Ambiente / I danni degli pneumatici all’ecosistema