Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:54
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

In Veneto uno chef ha inventato l’aria fritta

Immagine di copertina
L'aria fritta dello chef Nicola Dinato

"La servo sempre come antipasto per ricordare ai miei clienti che devono sempre cercare di riempire le loro vite di esperienze vere e non di futilità"

L’aria si può friggere? A quanto pare sì. A inventare la ricetta è stato lo chef stellato Nicola Dinato, 37 anni, che da aprile la propone nel menù del suo ristorante a Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso.

“La servo sempre come antipasto – spiega il cuoco in un’intervista video alla Tribuna di Treviso  – per ricordare ai mie clienti che devono sempre cercare di riempire la loro vita di esperienze vere”.

“Aria fritta – continua lo Dinato – è un concetto gastronomico: un benvenuto di riflessione per far capire che stiamo vivendo un momento storico dove il nulla è sempre più importante. Contenuti volatili scorrono senza significato, facendo dimenticare i veri valori della vita”.

Lo chef del ristorante Feva di Castelfranco, che nel 2015 ha ottenuto la prima stella Michelin, svela poi i segreti della ricetta: “Per friggere l’aria abbiamo pensato a una nuvola di tapioca, che andiamo a cucinare in forno e poi successivamente a friggere”.

“Poi – continua – si avvolge nella carta assorbente, in modo da eliminare tutti i grassi”. “La cosa simpatica – precisa Dinato – è che per dare quel tocco di aria andremo a inserire un po’ di ozono”.

E dopo dieci minuti di posa per l’inserimento dell’ozono, l’aria fritta si può servire. Tuttavia solo quelle veramente ben riuscite raggiungono il tavolo: le ‘palle’ di aria fritta devono essere trasparenti e leggere proprio come l’aria.

Chi è Nicola Dinato

Lo chef Dinato è nato a Camposampiero in provincia di Padova nel settembre del 1981. Prima di stabilirsi definitivamente al Feva, Dinato ha lavorato all’estero. È tornato in Italia nel 2007  e ha lavorato come chef in alcuni locali noti del trevigiano. Nel 2009 è stato premiato come Chef Emergente del Nordest dal Touring Club Italia nel 2009.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI