Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Niente certificato medico per giustificare le assenze scolastiche: arriva lo stop in otto regioni italiane

Immagine di copertina
Il Lazio è l'ottava regione ad abolire il certificato

Il Lazio è l'ottava regione ad adeguarsi alle disposizioni del ministero della Sanità, già introdotte in quasi tutto il Nord Italia

Certificato medico assenze scolastiche abolizione | Gli studenti di otto regioni italiane non saranno più obbligati a presentare un certificato medico per giustificare la propria assenza, nemmeno dopo essere stati assenti per 5 giorni.

Il Lazio è l’ultima regione ad aver aderito alla disposizione del ministero della Sanità. La notizia è stata comunicata con una nota firmata dal ministero dell’Istruzione il 7 novembre 2018 alle segreterie dei singoli istituti, che dovranno adeguarsi alle nuove disposizioni.

Nei casi di una profilassi prevista a livello nazionale e internazionale “per esigenze di sanità pubblica” resta però in vigore l’obbligo di presentare il certificato medico alla scuola.

Le altre regioni – Le disposizioni del ministero della Sanità erano già entrate in vigore nel Nord in Piemonte, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige, con l’eccezione di Vento e Valle d’Aosta.

Prima del Lazio, nel Centro Italia aveva già eliminato l’obbligo di presentare il certificato la Regione Umbria, mentre non hanno ancora aderito alle nuove disposizioni le altre regioni del Centro, né quelle del Sud e le isole.

“Questa scelta riduce la burocrazia senza abbassare i livelli della prevenzione”, è stato il commento dell’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Non tutti sono però d’accordo con l’abolizione dell’obbligo del certificato medico per le assenze scolastiche, come dimostrano i commenti della Federazione italiana medici pediatri.

In precedenza, la federazione aveva spiegato che il certificato si era dimostrato utile per evitare “ritardi e omissioni” nella rilevazione di casi di tubercolosi o altre malattie infettive, bloccando il diffondersi delle malattie stesse tra gli alunni.

Al di là dei pareri contrari o favorevoli sull’argomento, l’abolizione del certificato medico per le assenze scolastiche nel Lazio e nelle altre regioni italiane è considerato un atto storico per l’Italia.

L’obbligo, infatti, è stato introdotto il 22 dicembre 1967, con l’approvazione del decreto numero 1518 del presidente della Repubblica, Giuseppe Saragat ed è stato abolito solo di recente dal ministro della Sanità.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI