Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Il ministro Bonisoli contro Netflix: “I film prima nelle sale, poi in streaming”

Immagine di copertina
Il ministro Bonisoli

Il ministro vuole tutelare "chi gestisce una sala e offrire un'esperienza di visione sempre più emozionante"

Il ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, ha annunciato il 14 novembre 2018 di voler firmare un decreto che ha l’obiettivo di tutelare il cinema da piattaforme online come Netflix.

“Mi accingo oggi a firmare il decreto che regola le finestre in base a cui i film dovranno essere prima distribuiti nelle sale e dopo di questo su tutte le piattaforme che si vuole”, ha affermato il ministro nel videomessaggio inviato alla presentazione della ricerca Agis/Iulm ‘Spazi culturali ed eventi di spettacolo: un importante impatto sull’economia del territorio’.

“Penso sia importante assicurare che chi gestisce una sala sia tranquillo nel poter programmare film senza che questi siano disponibili in contemporanea su altre piattaforme”.

La legge – L’idea di Bonisoli è di consentire “ai gestori dei cinema di sfruttare appieno l’investimento per migliorare le sale e offrire un’esperienza di visione sempre più emozionante”.

Il ministro vuole quindi fissare le finestre per la distribuzione dei film, intervenendo sulla norma attualmente in vigore, la 220 del 2016.

Le finestre infatti erano regolate in Italia da una prassi secondo cui la programmazione in sala poteva durare fino a 105 giorni dalla prima proiezione o 10 se l’opera è programmata per tre giorni feriali, esclusi venerdì, sabato e domenica. Nei casi in cui la pellicola sia programmata in 80 sale la finestra è di 60 giorni.

Scontro tra Netflix e cinema – La polemica tra il mondo del cinema e Netflix si era acuita in occasione del Festival di Cannes di maggio 2018.

I film della piattaforma streaming erano stati banditi dalla competizione dopo che Netflix si era rifiutata di rilasciare le sue pellicole nelle sale cinematografiche.

La decisione era stata presa dal direttore del Festival, Thierry Fremaux, che ha anche precisato in un’intervista che “la storia del cinema e la storia di Internet sono due cose differenti”.

Intanto i fratelli Coen hanno annunciato che il loro prossimo film sarà distribuito direttamente su Netflix dal 16 novembre 2018, senza passare per i cinema.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI