Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Un blog che mostrava come diventare anoressiche è stato chiuso dalla polizia

Immagine di copertina
Un'adolescente guarda il profilo Instagram di una ragazza che mostra i suoi progressi per sconfiggere l'anoressia. Credit: Monika Skolimowska/dpa

L'indagine è partita dalla denuncia della madre di un'adolescente di Ivrea. L'amministratrice del sito è stata denunciata per istigazione al suicidio e lesioni gravissime

La polizia di Ivrea ha oscurato un blog che istigava gli adolescenti all’anoressia, mediante l’induzione a seguire diete o ad effettuare terapie che portano allo sviluppo di questo disturbo alimentare. L’amministratrice del sito, una 19enne residente a Porto Recanati, nelle Marche, è stata denunciata per istigazione al suicidio e lesioni gravissime.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’indagine della polizia è partita a dicembre 2016 dopo la denuncia della madre di una quindicenne di Ivrea, che leggeva assiduamente il blog e che aveva sviluppato un disturbo alimentare che le provocava una costante perdita di peso, al punto da essere stata costretta ad affidarsi alle cure di uno psicologo.

Leggi anche: Come mi sono ridotta a pesare 37 chili, divorata dall’anoressia

Secondo quanto riporta Repubblica, gli investigatori si sono finti adolescenti in cerca di un sistema per dimagrire. Così sono riusciti a risalire all’amministratrice del blog e hanno scoperto che centinaia di ragazzine le si rivolgevano per trovare consigli su come iniziare una nuova dieta o perdere peso più in fretta. La ragazza è solo una delle autrici del blog,

“Non tocco carboidrati, ieri ho buttato via tutta la pasta che avevo nel piatto anche se avevo fame. Se mangio un mandarino sbaglio?” Questa è una delle domande che le giovani frequentatrici del blog rivolgevano alle autrici, che le incitavano a mangiare sempre meno e a perdere peso fino a rischiare la morte.

In Italia si stima che esistano 300mila siti riconducibili al cosiddetto fenomeno “pro anoressia”. Ma per scambiarsi consigli e imparare trucchi, le ragazze utilizzano sempre di più anche canali come Whatsapp e Facebook, più difficilmente controllabili da parte della polizia postale.

Leggi anche: Rinascere dopo l’anoressia

Leggi anche: Imparare a distinguere l’anoressia dalla bulimia

Leggi anche: Viaggio nell’anoressia di una ventenne

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI