Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

Ogni anno l’inquinamento uccide 1,7 milioni di bambini con meno di cinque anni

Un rapporto dell'Oms documenta che un quarto delle morti infantili è dovuta a polmoniti, diarrea e altri disturbi legati a condizioni ambientali precarie

Di TPI
Pubblicato il 6 Mar. 2017 alle 12:55
0
Immagine di copertina

Un quarto delle morti di bambini sotto i cinque anni di età nel mondo avviene a causa di ambienti malsani e inquinati. L’allarme arriva dall’Organizzazione mondiale per la sanità (Oms) che quantifica in 1,7 milioni i decessi all’anno per una scarsa qualità dell’acqua e dell’aria, per gli effetti del fumo passivo e per condizioni igieniche inadeguate.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.

Le malattie originate da queste situazioni sono diarrea, malaria e polmonite, che nella maggior parte dei casi risultano letali per i più piccoli. “Gli organi e i sistemi immunitari in fase di sviluppo durante l’infanzia, i corpi e le vie respiratorie di dimensioni ridotte dei bambini, li rendono particolarmente esposti ai problemi portati da acqua e aria sporche”, ha affermato Margaret Chan, direttrice dell’Oms.

I dati sono contenuti nel rapporto Inheriting a sustainable world: Atlas on children’s health and the environment. Nel documento si fa riferimento all’esposizione che i bambini subiscono già da quando sono nel ventre della madre. Gli effetti ovviamente si amplificano se la situazione persiste anche dopo la nascita.

L’inquinamento dell’aria, in particolare, oltre a essere possibile causa di polmoniti, può portare a disturbi cronici al sistema respiratorio come l’asma. Inoltre, aumenta anche il rischio di malattie cardiache, infarti e cancro.

Per quanto riguarda la qualità dell’acqua, i bambini che non hanno accesso a risorse idriche pulite e che ricorrono al carbone o al letame per il riscaldamento, sono maggiormente esposti a diarrea e polmonite. Sostanze chimiche potenzialmente dannose per i bambini arrivano anche attraverso il cibo.

“Investire nella rimozione dei rischi ambientali, come migliorare la qualità dell’acqua o l’utilizzo di combustibili più puliti significherebbe avere benefici importanti sulla salute”, ha detto Maria Neira, esperta dell’Oms per la salute pubblica.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.