Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Ogni anno l’inquinamento uccide 1,7 milioni di bambini con meno di cinque anni

Immagine di copertina

Un rapporto dell'Oms documenta che un quarto delle morti infantili è dovuta a polmoniti, diarrea e altri disturbi legati a condizioni ambientali precarie

Un quarto delle morti di bambini sotto i cinque anni di età nel mondo avviene a causa di ambienti malsani e inquinati. L’allarme arriva dall’Organizzazione mondiale per la sanità (Oms) che quantifica in 1,7 milioni i decessi all’anno per una scarsa qualità dell’acqua e dell’aria, per gli effetti del fumo passivo e per condizioni igieniche inadeguate.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.

Le malattie originate da queste situazioni sono diarrea, malaria e polmonite, che nella maggior parte dei casi risultano letali per i più piccoli. “Gli organi e i sistemi immunitari in fase di sviluppo durante l’infanzia, i corpi e le vie respiratorie di dimensioni ridotte dei bambini, li rendono particolarmente esposti ai problemi portati da acqua e aria sporche”, ha affermato Margaret Chan, direttrice dell’Oms.

I dati sono contenuti nel rapporto Inheriting a sustainable world: Atlas on children’s health and the environment. Nel documento si fa riferimento all’esposizione che i bambini subiscono già da quando sono nel ventre della madre. Gli effetti ovviamente si amplificano se la situazione persiste anche dopo la nascita.

L’inquinamento dell’aria, in particolare, oltre a essere possibile causa di polmoniti, può portare a disturbi cronici al sistema respiratorio come l’asma. Inoltre, aumenta anche il rischio di malattie cardiache, infarti e cancro.

Per quanto riguarda la qualità dell’acqua, i bambini che non hanno accesso a risorse idriche pulite e che ricorrono al carbone o al letame per il riscaldamento, sono maggiormente esposti a diarrea e polmonite. Sostanze chimiche potenzialmente dannose per i bambini arrivano anche attraverso il cibo.

“Investire nella rimozione dei rischi ambientali, come migliorare la qualità dell’acqua o l’utilizzo di combustibili più puliti significherebbe avere benefici importanti sulla salute”, ha detto Maria Neira, esperta dell’Oms per la salute pubblica.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI