Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:53
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Amazon Prime: ecco quando (e di quanto) aumenterà il prezzo

Immagine di copertina

La tariffa si applicherà subito per i nuovi clienti, tra un anno per gli altri. La compagnia di e-commerce si giustifica, ma tra i clienti serpeggia il malcontento

L’abbonamento ad Amazon Prime diventerà presto più salato. È quanto sta annunciando in questi giorni la compagnia di e-commerce, anche attraverso l’invio di email ai suoi clienti.

Il prezzo del servizio Prime, che permette di avere una serie di agevolazioni tra cui consegne entro 24 ore, passerà dagli attuali 19,99 euro a 36 euro annuali.

Un aumento di 16 euro che di sicuro non farà piacere ai moltissimi abbonati al servizio. Amazon Prime, tra le altre cose, consente di usufruire di servizi come Amazon Prime Video, un servizio di streaming che include nel suo catalogo alcune serie e film di successo.

Gli abbonati ad Amazon Prime hanno a disposizione anche Prime Photos, una piattaforma che permette di archiviare le proprie immagini, nonché una serie di vantaggi e offerte personalizzate in particolare nei periodi più “caldi” per lo shopping, come il Black Friday.

L’aumento, in ogni caso, non sarà immediato. Per i nuovi clienti di Amazon Prime si applicherà dal 4 aprile 2018, mentre chi ha già un abbonamento Prime che scade il 4 maggio 2018, potrà rinnovalo con la stessa tariffa attuale per un altro anno. L’aumento di prezzo, per questi clienti, scatterà quindi a maggio del 2019.

Un’ulteriore novità è rappresentata dalla possibilità di sottoscrivere un altro tipo di abbonamento, della durata di un mese, a 4,99 euro. In questo modo, è possibile usufruire del servizio Prime solo in determinati periodi dell’anno.

Resta il fatto che questa nuova formula diventa svantaggiosa se reiterata per l’intero anno, perché a quel punto la cifra complessiva supera i 36 euro.

Alcuni clienti si sono lamentati con Amazon per questo aumento del prezzo dell’abbonamento, e in generale il malcontento, soprattutto sui social, in queste ore è palpabile.

L’azienda ha però spiegato che l’incremento di prezzo è dovuto dall’introduzione, nel pacchetto Prime, dei servizi Prime Video e Prime Photos, che finora erano stati aggiunti mantenendo invariata la tariffa, ma che comportano inevitabilmente dei costi per la compagnia di Jeff Bezos.

Inoltre, Amazon ha sottolineato come si tratti soltanto del secondo aumento di prezzo in oltre otto anni.

In questi ultimi mesi, Amazon è stata al centro di molte polemiche: per il Black Friday 2017,  venerdì 24 novembre, le principali sigle sindacali — Cgil, Cisl, Uil e Ugl — hanno indetto uno sciopero nel centro di distribuzione di Castel San Giovanni, in provincia di Piacenza.

Al centro della disputa due punti in particolare: il salario degli impiegati e i turni di lavoro.

“Non c’è stata da parte di Amazon Italia alcuna apertura concreta all’aumento delle retribuzioni o della contrattazione del premio aziendale, considerando anche la crescita enorme di questi anni. I ritmi lavorativi non conoscono discontinuità, le produttività richieste sono altissime e il sacrificio richiesto non trova incremento retributivo oltre i minimi contrattuali”, avevano denunciato i sindacati.

Attualmente i magazzinieri che lavorano a Castel San Giovani sono impegnati su tre turni di lavoro (6-14, 14.30-22.30, 23-6), e guadagnano tra i 1.100 e i 1.200 euro netti al mese per 14 mensilità.

Alcuni sono inquadrati con il contratto del commercio, ma altri, la metà circa dei lavoratori, hanno un contratto a tempo determinato, che serve per affrontare i picchi di lavoro, generalmente tra ottobre e dicembre.

Martedì 30 gennaio 2018, inoltre, Amazon ha ottenuto il brevetto per dei bracciali in grado di monitorare i movimenti di chi li indossa.

Secondo il sito GeekWire, che per primo ha riportato la notizia, la società di e-commerce ha intenzione di utilizzarli con i suoi dipendenti, per velocizzare il processo di consegna dei prodotti.

In tanti nutrono forti dubbi riguardo ai rischi che questo comporterebbe per la privacy dei lavoratori.

L’azienda si è però difesa da quelle che ritiene “speculazioni fuorvianti” sull’utilizzo del brevetto:

“Questa idea, se e quando dovesse essere implementata in futura, verrà fatta nel pieno rispetto delle leggi e delle norme, con il solo obiettivo di migliorare il lavoro di ogni giorno dei nostri dipendenti nei centri di distribuzione.

Muovendo le attrezzature e verso i polsi dei dipendenti le mani vengono liberate dall’utilizzo degli scanner e gli occhi non devono più guardare lo schermo”.

Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni aveva commentato: “La sfida principale è costruire un lavoro di qualità, non il lavoro con il braccialetto”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI