Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Ignorata dai vicini, sminuita dai carabinieri: la storia di Elisabetta, aggredita da tre uomini in casa

Immagine di copertina

La sera del 13 aprile, tre uomini ubriachi si sono presentati alla porta di casa di Elisabetta, a piazza Vittorio a Roma, aggredendola e buttandola a terra. La ragazza ha raccontato i paradossi vissuti per denunciare l'accaduto

Saliamo le scale di casa e “ce li puoi descrivere?” mi chiedono i carabinieri, dico “tre uomini biondi, parlavano inglese, turisti”. Mi richiedono: “ma com’erano, olivastri?”, dico “Erano Ariani” mi ririchiedono “come?” ripeto “erano Biondi, forse del nord”.

Elisabetta, professionista di origini settentrionali e residente a Roma, racconta in un lungo post su Facebook, la notte del 13 aprile in cui è stata aggredita da alcuni turisti stranieri che, in stato di ubriachezza, hanno provato ad entrare nella sua abitazione nei pressi di piazza Vittorio, l’hanno assalita verbalmente e l’hanno percossa.

Elisabetta si trovava dentro casa quando tre uomini del nord Europa, in evidente stato ebbrezza, si sono presentati alla sua porta e hanno provato ad entrare in casa facendo forza contro la ragazza che era da sola.

I tre uomini erano probabilmente convinti di essere al piano inferiore della palazzina, dove si trovava il b&b nel quale pernottavano. Quando la ragazza è riuscita a riprendersi dall’aggressione ha cercato aiuto nei vicini di casa che l’hanno invece presa in giro per essersi agitata. Quando Elisabetta è riuscita ad avvertire le amiche, insieme sono andate dai carabinieri per sporgere denuncia.

Al commissariato la situazione è diventata ancora più paradossale: come racconta la ragazza nel post, gli agenti volevano quasi necessariamente che la descrizione degli aggressori corrispondesse a quella di uomini mediorientali, o comunque di carnagione scura.

“Ah, è un tedesco che vive in Svizzera, sembra uno coi soldi, mi lasciano intendere”, ancora i carabinieri, nella versione della ragazza, sul conto di uno degli aggressori.

“Di una cosa sono sicuro, lui non voleva violentarti”, decreta il maresciallo. Che fossero ubriachi è un’attenuante. Rimane solo l’accusa di percosse. Procedo alla denuncia”, prosegue la ragazza.

Di seguito il racconto integrale dell’accaduto:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI