Covid ultime 24h
casi +9.938
deceduti +73
tamponi +98.862
terapie intensive +47

Presidente dei medici e chirurghi milanesi: “Sui vaccini antinfluenzali in Lombardia si sta creando una sanità di serie A e una di serie B”

Il duro attacco di Roberto Carlo Rossi, Presidente dell'Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri: "È inaccettabile che i medici delle strutture private sia esclusi dalla fornitura dei vaccini"

Di Lorenzo Zacchetti
Pubblicato il 7 Ott. 2020 alle 15:56 Aggiornato il 7 Ott. 2020 alle 16:23
47
Immagine di copertina
Vaccini Credits: Flikr

Nel già acceso dibattito sui vaccini antinfluenzali in Lombardia irrompe Roberto Carlo Rossi, Presidente dei medici e chirurghi milanesi, con una presa di posizione che non mancherà di far discutere: “È inaccettabile che i vaccini non ci siano per tutti, così si crea una Sanità di serie A ed una di serie B”.

“L’emergenza Covid-19 ormai non è più una novità, né una tempesta che ci ha assalito senza preavviso. È doveroso e necessario farsi trovare pronti al ritorno violento del virus”, argomenta il Presidente dell’OMCeO di Milano. “Tra i vari provvedimenti urgenti da attuare per resistere e farsi trovare preparati di fronte all’emergenza c’è sicuramente la campagna di vaccinazione contro l’influenza”.

In particolare, Rossi punta il dito contro “una circolare del 17 agosto a tutti i Direttori Generali delle Ats e Asst del territorio lombardo, che esclude le aziende private che operano in sanità dalla fornitura di vaccino da parte del SSN, ma le aziende devono provvedere autonomamente; in pratica i medici del privato accreditato e del privato puro non potranno avere il vaccino antinfluenzale. Insomma: una sanità di serie A ed una di serie B” .

“Ecco perché non solo stigmatizzo, ma anche condanno inesorabilmente un simile atteggiamento, perché il valore della sanità è un elemento cardine della Costituzione e non si distingue tra cittadini pubblici o privati, tra una sanità di serie A ed una di serie B, ma unicamente in favore del bene della collettività a prescindere, quando ci sono situazioni estreme come quella che stiamo vivendo, anche dai budget e dalle economie di bilancio”, continua.

“Un medico che si ammala con sintomi influenzali e che deve essere tolto dal servizio, sia che lavori in un ospedale pubblico che privato, è un medico in meno nella lotta al Covid-19 e per questo chiedo di modificare quanto scritto nella circolare e tutelare anche i colleghi che lavorano nel settore privato”, conclude Rossi.

Vaccino antinfluenzale: firma la petizione di TPI su Change.org

Leggi anche: 1. Governo e Regioni promuovano una vaccinazione antinfluenzale di massa: la campagna di TPI / 2. Pregliasco a TPI: “Vaccinare contro l’influenza i bambini può ridurre la mortalità negli adulti” / 3. Vaccino antinfluenzale, boom di richieste: corsa contro il tempo per produrre le dosi. “Serviva più programmazione”

4. Il direttore del Gaslini a TPI: “Tutti dovremmo fare il vaccino contro l’influenza, anche i bambini” / 5. “Vaccinarsi per l’influenza serve a proteggere persone fragili come mio figlio, affetto da fibrosi cistica” / 6. L’inchiesta di TPI sui vaccini influenzali in Lombardia: “Sono in ritardo e distribuiti male”

47
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.