Covid ultime 24h
casi +16.146
deceduti +477
tamponi +273.506
terapie intensive -35

Coronavirus: a Milano una gara di solidarietà tra aziende e imprenditori

Supermercati, banche, stilisti e aziende farmaceutiche: la capitale del business prova a resistere grazie al senso di responsabilità

Di Lorenzo Zacchetti
Pubblicato il 9 Mar. 2020 alle 12:22 Aggiornato il 10 Mar. 2020 alle 09:50
29
Immagine di copertina
Credit: ANSA/MARCO OTTICO

Nei momenti più difficili, fare ricorso al supporto della comunità è fondamentale e l’insidia più subdola del Coronavirus è proprio questa: il clima è simile ai tempi di guerra, ma il nemico è invisibile e si può combattere solo rinunciando alla socialità. Ma ci sono diversi modi di “stare insieme” e molte aziende con sede a Milano lo stanno dimostrando in maniera estremamente concreta, mettendosi a disposizione della collettività. In una gara di solidarietà, ecco gli atti più significativi, una lista – per fortuna – in continuo aggiornamento:

Acquaflex: l’azienda del milanese ha prodotto20.000 flaconi detergenti, destinati alla Croce Rossa e ai comuni di Rho, Cornaredo, Gaggiano e Milano.

AngeliniPharma: è l’azienda che produce l’Amuchina, davvero introvabile in questo periodo, e ha messo a disposizione 40.000 flaconi per Lombardia e Veneto, oltre a fare una donazione alla Protezione Civile.

Amazon: ha donato occhiali protettivi, mascherine a tre strati, calzari, camici impermeabili, cuffie e guanti in nitrile alla Protezione Civile lombarda.

Armani: lo stilista milanese ha donato un milione e 250.000 euro, tra Protezione Civile, Ospedale Sacco e Istituto Tumori di Milano.

Bulgari: ha fatto una donazione all’Ospedale Spallanzani, che consentirà l’acquisto di apparecchiature finalizzate all’acquisizione di immagini microscopiche.

Dolce & Gabbana: sta sostenendo con una donazione un programma di ricerca condotto da Humanitas e San Raffaele.

Eataly, Manila Grace, Yamamay e Carpisa: hanno scelto di donare una percentuale degli incassi di questo periodo.

Chemtec: l’azienda di Corbetta ha invece prodotto un igienizzante simile all’Amuchina, distribuito gratuitamente alla popolazione del comune del Sudovest milanese tramite la farmacia comunale.

Farmacia Smeraldo di Milano: ha distribuito gratuitamente ai clienti un igienizzante di sua produzione.

Eni: ha donato mascherine alla Protezione Civile.

Farmac Zabban: anche l’azienda di Calderara di Reno ha messo a disposizione mascherine.

Industrie De Nora: ha dato alla Protezione civile in comodato gratuito 4 sistemi elettrochimici per la produzione di cloro a Codogno.

Xiaomi: l’azienda cinese della telefonia ha versato un contributo alla Protezione Civile, definendolo “la dimostrazione tangibile che ci sentiamo parte integrante di questo Paese”.

Esselunga: oltre a una serie di donazioni (dal San Matteo di Pavia allo Spallanzani di Roma), la catena di supermercati ha dato un contributo concreto, offrendo il servizio di spesa a domicilio gratuitamente agli Over 65, ai quali è raccomandato fin dall’inizio dell’emergenza di stare a casa.

Conad: offre gratuitamente il servizio di spesa a domicilio.

CoopLombardia: offre gratuitamente il servizio di spesa a domicilio agli over 65.

Lloyds Farmacie: garantisce, in collaborazione con Energie Sociali Jesurum e il Comune di Milano, la consegna dei farmaci al domicilio degli anziani.

Eurospin: ha donato un totale di 100.000 euro, suddivisi tra il Sacco di Milano e lo Spallanzani di Roma.

Fosun Foundation: l’ente di Shanghai, legato a un gruppo industriale cinese, ha donato 5.000 mascherine al Comune di Milano.

Unione generale delle Scuole di lingua cinese di Milano: ha donato 30.000 mascherine e 30.000 guanti monouso al Comune di Milano.

Comunità cinese di Milano: ha donato tamponi di alta precisione.

Inter: Ha donato 100.000 euro all’ospedale Sacco.

Como: La squadra di calcio, militante in Serie C, si è impegnata a donare 100.000 euro al locale Ospedale Sant’Anna. I soldi arriveranno grazie alla rinuncia da parte dei tifosi al rimborso per le partite disputate a porte chiuse. Per ogni euro raccolto in questo modo, la società sportiva ne aggiungerà due.

Intesa Sanpaolo: Si è detta pronta pronti a donare fino a 100 milioni per rafforzare la terapia intensiva e le strutture sanitarie

Banca Mediolanum: Ha donato 100.000 euro all’ospedale Sacco.

Unicredit: Ha donato due milioni di euro alla Protezione Civile per l’acquisto di mascherine.

Per chiunque voglia contribuire, la Regione Lombardia ha aperto il conto corrente ‘Regione Lombardia-Sostegno emergenza Coronavirus’ (numero Iban IT76P0306909790100000300089): “Serve per raccogliere fondi per sostenere le nostre strutture sanitarie, i nostri medici, infermieri e tutto il personale che in questi giorni sta combattendo una durissima battaglia per curare i cittadini lombardi e sconfiggere il Covid-19”, ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

29
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.