Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Migranti

Quarantamila migranti sono stati respinti illegalmente dai Paesi europei (Italia inclusa): 2mila sono morti. L’inchiesta del Guardian

Immagine di copertina

Quarantamila migranti sono stati respinti illegalmente dai Paesi europei (Italia inclusa): 2mila sono morti

Durante i mesi della pandemia, gli stati membri dell’Unione Europea hanno respinto decine di migliaia di richiedenti asilo dai propri confini, usando metodi illegali che hanno contribuito alla morte di oltre 2.000 persone. Lo afferma il Guardian, che in un’analisi basata sui rapporti di agenzie delle Nazioni Unite e i dati raccolti da organizzazioni non governative, definisce i respingimenti durante i mesi della pandemia “una delle più grandi espulsioni di massa negli ultimi decenni”.

Il quotidiano britannico accusa i Paesi europei di aver “sistematicamente” respinto migliaia di rifugiati negli ultimi mesi, con il sostegno dell’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex) e utilizzando “metodi illegali che vanno dall’aggressione alla brutalità durante la detenzione o il trasporto”. A gennaio l’Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF) ha aperto un’indagine su Frontex riguardo accuse di molestie, cattiva condotta e attività illegali volte a impedire ai migranti di raggiungere il territorio dell’UE.

Il Guardian ha dichiarato che sono stati documentati almeno 40.000 respingimenti da gennaio 2020, risultato di un inasprimento delle politiche migratorie in Italia, Malta, Grecia, Croazia e Spagna dall’inizio della pandemia, che ha portato all’imposizione di maggiori restrizioni lungo i confini. Il Guardian accusa questi Paesi di aver “pagato Stati extra-UE e arruolato navi private per intercettare le imbarcazioni in difficoltà in mare e respingere i passeggeri, portandoli in centri di detenzione”.

Dall’inizio del 2020 ben 18.000 migranti sono stati respinti dalla Croazia, secondo quanto riportato dal Consiglio Danese per i Rifugiati. La Border Violence Monitoring Network (BVMN), una coalizione di 13 ong, ha dichiarato che nel 2020 il 90 percento delle testimonianze raccolte dai migranti in Croazia hanno fatto riferimento ad abusi e all’uso sproporzionato della forza, un aumento di 10 punti percentuali. Secondo BVMN, nel caso della Grecia lo stesso dato è stato pari all’89 percento. Il gruppo afferma che nello stesso periodo la Grecia ha respinto 6.230 richiedenti asilo.

Intercettazioni con il sostegno dell’Italia

Secondo i dati dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), da gennaio 2020 le autorità libiche hanno intercettato e riportato indietro con il sostegno dell’Italia circa 15.500 richiedenti asilo, mentre centinaia di essi sono annegati senza l’intervento né della Libia né dell’Italia. Il quotidiano cita il caso del naufragio di un gommone ad aprile che ha portato alla morte di 130 migranti, in cui l’ong SOS Méditerranée ha accusato i due Paesi di aver ignorato le richieste di soccorso. Il Guardian sottolinea come i respingimenti delle autorità libiche abbiano portato al ritorno di migliaia di persone nei centri di detenzione libici, dove secondo testimonianze dirette vengono sottoposti a torture.

Il quotidiano ricorda anche come almeno cinque imbarcazioni di ong siano ancora bloccate nei porti italiani per ragioni amministrative e cita l’inchiesta realizzata insieme a Domani e Rai News che ha portato alla pubblicazione di intercettazioni realizzate dalla procura di Trapani delle conversazioni tra le guardie costiere libiche e italiane, che dimostrerebbero come le difficoltà delle autorità libiche a rispondere alle richieste di soccorso abbiano portato alla morte di centinaia di migranti.

L’indagine della procura di Trapani, in cui sono stati anche intercettati diversi giornalisti senza che fossero indagati, ha portato a fine marzo al rinvio a giudizio di 21 persone con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina per le operazioni di salvataggio condotte dalle navi umanitarie al largo delle coste libiche.

Leggi anche: 1. “Persone maltrattate e picchiate nei centri di detenzione in Libia. Ma Draghi li chiama salvataggi”: parla Msf / 2. “Migranti picchiati dalla guardia costiera libica e costretti con la forza a tornare indietro”: il video shock / 3.Io reporter sul campo in Libia vi dico: “C’è poco da ringraziare i libici, Draghi mistifica la realtà”. Parla Nancy Porsia / 4. Sette giornalisti italiani spiati dalla Procura di Trapani senza essere indagati / 5. “È un processo politico alle Ong”: parla il capitano della nave Iuventa, indagato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina

Ti potrebbe interessare
Esteri / Kamala Harris ai migranti: “Non venite negli Stati Uniti, sarete rispediti indietro”
Migranti / La Danimarca approva una legge per ricollocare i richiedenti asilo fuori dall’Europa
Migranti / Naufragio al largo della Libia, Mezzaluna Rossa: "50 morti"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Kamala Harris ai migranti: “Non venite negli Stati Uniti, sarete rispediti indietro”
Migranti / La Danimarca approva una legge per ricollocare i richiedenti asilo fuori dall’Europa
Migranti / Naufragio al largo della Libia, Mezzaluna Rossa: "50 morti"
Migranti / Migranti: naufragio al largo della Libia, 11 corpi recuperati
Migranti / Senza gli immigrati l’economia italiana crollerebbe: ogni anno producono il 9% del Pil. Il rapporto della fondazione Leone Moressa
Migranti / Barcone con 56 persone a bordo si capovolge a largo della Libia, l’allarme di Unhcr
Migranti / Migranti, nessuna invasione: il rapporto che smentisce le fake news su chi arriva in Italia
Migranti / Ocean Viking, i 182 migranti sbarcheranno a Messina
Migranti / Migranti, sbarcati 108 migranti a Lampedusa. Il sindaco a TPI: "Hotspot strapieno"
Migranti / Migranti, sbarchi in aumento a settembre 2019: per la prima volta il sorpasso sul 2018