Come The North Face ha trollato Wikipedia con una manovra pubblicitaria a costo zero

Di Francesca Ceccarelli
Pubblicato il 31 Mag. 2019 alle 15:29 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:39
0
Immagine di copertina

The North Face Wikipedia | Una super cazzola coi fiocchi quella che The North Face ha operato nei confronti di Wikipedia.

Con lo scopo di penetrare nella fortezza del nome sicuramente più indicizzato su Google, il noto marchio americano è riuscito a sfruttare gratis il portale no profit.

La campagna pubblicitaria di The North Face, hanno sfruttato il patto di fiducia che Wikipedia ha stretto con gli utenti.

Dopo aver identificato dei luoghi che potessero avere appeal per i propri clienti, hanno inserito sulle pagine di riferimento foto dei paesaggi e persone con un prodotto del marchio.

Una pubblicità indotta che non è passata inosservata, almeno quando la notizia è stata pubblicata da Ad Age, riportando un video in cui l’azienda spiegava tutto l’iter.

Subito i volontari dell’enciclopedia libera hanno rimosso tutte le immagini pubblicitarie.

Su Twitter invece hanno mostrato la loro contrarietà alla mossa di marketing senza mezze misure.

The North Face Wikipedia

Un portavoce dell’azienda californiana ha spiegato che il video è stato prodotto da Leo Burnett Tailor Made e approvato dal team brasiliano del marchio che opera in modo indipendente.

L’azienda americana ha poi risposto al tweet di Wikipedia chiedendo scusa.

The North Face Wikipedia

Crediamo profondamente nella missione di Wikipedia e ci scusiamo per aver intrapreso attività non conformi a questi principi.

Con effetto immediato, abbiamo terminato la campagna e ci impegneremo a garantire che i nostri team e fornitori siano meglio addestrati sulle politiche del sito”.

Uber Eats Pass, arriva l’abbonamento mensile per consegne illimitate

TheDrama, il misterioso artista che ha trollato 30mila sostenitori di Salvini

Huawei sfida Trump e Google: “Abbiamo un’alternativa ad Android”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.