Me

Uber Eats Pass, arriva l’abbonamento mensile per consegne illimitate

Di Francesca Ceccarelli
Pubblicato il 23 Mag. 2019 alle 09:07
Immagine di copertina

Uber Eats Pass abbonamento | La proposta indecente che farebbe troncare qualsiasi rapporto con i fornelli? Un abbonamento no limits per la consegna di cibo direttamente a casa.

Questo è il nuovo progetto su cui starebbe lavorando Uber che sta per lanciare l’Uber Eats Pass da 9,99 dollari al mese (meno di dieci euro), in base al codice nascosto nell’app Android del servizio.

L’abbonamento avrebbe rinunciato alla commissione di servizio di Uber che è in genere il 15 per cento del costo dell’ordine visto che gli utenti risparmiano se ordinano frequentemente.

Nuove forme di guadagno per l’azienda potrebbe derivare dal refresh delle voci di menu, dalla copertura dei costi con una tariffa di ordine flat che tutela dall’ordine di prodotti singoli.

Tra le conseguenze più importanti anche la costruzione di un rapporto di fedeltà col cliente in un momento di forte competizione.

L’Uber Eats Pass è stato individuato dall’ingegnere Jane Manchun Wong che è riuscito a generare schermate dal codice di app di Android di Uber, rivelando un prototipo della funzione.

A meno di dieci euro al mese, l’Uber Eats Pass funzionerebbe allo stesso modo di Postmates Unlimited e DoorDash DashPass.

Per essere sempre più competitivo sul mercato globale Uber sta sperimentando la possibilità di offrire sconti ai ristoranti in cambio del posizionamento promosso nell’app.

Proprio questo è il primo passo per far diventare Uber un’azienda pubblicitaria in cui le aziende pagano una maggiore esposizione.

Uber Eats Pass abbonamento | L’Eats Pass unito al tradizionale Uber fornirebbe così una sorta di livello “Prime” che dietro pre-pagamento garantisce vantaggi e sconti per gli utenti.  

Netflix potrebbe aumentare il costo degli abbonamenti

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Truffa WhatsApp “ricarica gratis 5 euro” colpisce sempre più utenti

Asos, furia social per l’abito stretto con le mollette: l’azienda si scusa