“Mark Caltagirone siamo noi”: tutta la verità sul Prati-gate, dai cachet ai profili fake

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 28 Mag. 2019 alle 08:10 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:41
0
Immagine di copertina
Pamela Prati; Pamela Perricciolo

Pamela Prati Pamela Perricciolo intervista

Pamela Perricciolo si confessa. Dopo Eliana Michelazzo, anche la seconda manager di Pamela Prati si arrende e vuota il sacco: “Mark Caltagirone siamo noi”. In una lunga intervista rilasciata a Selvaggia Lucarelli e pubblicata su Il fatto Quotidiano, la Perricciolo racconta i retroscena della telenovela che ha catalizzato l’attenzione mediatica per settimane.

Pamela Perricciolo – che Selvaggia Lucarelli chiama “Donna Pamela” – è l’unica a resistere. Per giorni, mentre le altre due erano ospiti dei salotti di gossip della tv e di lunghe interviste sui settimanali, lei rimaneva muta, trincerata nel suo silenzio. Michelazzo e Prati, intanto, la massacravano: sarebbe stata lei la mente, l’artefice di tutta la messinscena, secondo le loro versioni.

L’avvocato della Prati: “Non è più gossip, la Magistratura potrebbe indagare”

“Io, Pamela Prati ed Eliana Michelazzo il primo aprile abbiamo firmato un accordo che ci vincola a non divulgare nulla di quello che ciascuna di noi sa della vita privata delle altre, perché avremmo firmato se non avessimo avuto tutte interesse a farlo?”, dice Perricciolo a Lucarelli.

Pamela Prati Pamela Perricciolo intervista | Il plagio

Le altre due parlano di plagio, ma la manager spiega che la collega e amica Michelazzo “va dalla D’Urso per 7.000 euro a puntata… La società Aicos è intestata a Eliana, la Jaguar è intestata a Eliana, la casa in cui vivevamo insieme e la Mini pure. Che plagio è?”.

Loro parlano di plagio psicologico, incalza Lucarelli. “Il documento di riservatezza tra noi tre l’ha proposto Eliana col suo studio legale, strano che sia una vittima ma chieda alle altre di tacere”, continua Perricciolo.

Pamela Prati Pamela Perricciolo intervista | I cachet 

Eliana Michelazzo avrebbe diversi debiti, come pure Pamela Prati, nonostante davanti alle telecamere di Verissimo abbia assicurato di non averne. “Il cachet per l’ospitata di Domenica in le è stato pignorato dal fisco”. Per quanto riguarda Verissimo, invece, pare – sempre secondo le parole di Perricciolo – che i produttori abbiano detto alla Prati che con gli avvocati dovevano decidere se Mediaset fosse parte offesa per truffa. Le hanno congelato il cachet, 40.000 euro. Non so se ha risolto. Prende 1.200 euro al mese di pensione”, attacca ancora la manager.

Matrimonio Prati, l’agente di Pamela svela la verità: “Mark Caltagirone non esiste”

Lei intanto non va in tv e sostiene che “volevano farla fuori”. Eliana invece “se la rigirano come vogliono”. Cioè promettendole ben cinque ospitate da Barbara D’Urso e addirittura di entrare al Grande Fratello. Poi nulla di fatto, perché Piersilvio Berlusconi ha scelto Luxuria a lei, spiega Perricciolo.

Tutta una messinscena, anche la chiamata in studio, da Barbara D’Urso, del presunto Mark Caltagirone. E quando Pamela Prati, da Silvia Toffanin, si è alzata per andare a chiamare il futuro finto sposo, in realtà ha telefonato alla Perricciolo: “Che devo fare? È una trappola. Eliana si è venduta”.

Pamela Prati Pamela Perricciolo intervista | Simone Coppi

Anche la storia di Simone Coppi sarebbe frutto della fantasia delle due manager. Michelazzo ha finto di avere un fidanzato e poi di averlo sposato, con tanto di tatuaggio sul braccio. In realtà, come spiega l’ex collega, è un personaggio inventato di sana pianta: ” Quando Eliana è uscita da Uomini e donne aveva problemi, le diedi il contatto di un amico che si chiamava Simone. Da lì ha iniziato a scriversi con un Simone reale. Poi è venuta a entrambe l’idea di dire ai giornali che sposava questo Simone Coppi, un personaggio inventato, perché non voleva diventare tronista”.

E di quel finto Simone Coppi hanno sentito parlare altri vip: Signorini dice di essere stato corteggiato via social da quest’uomo, ma anche Arcuri e Varone sarebbero stati coinvolti nella vicenda. Perricciolo, però, spiega che quella è stata opera di Michelazzo. Sarebbe lei che accede ogni giorno al profilo fake di Coppi.

Fino a metà intervista, però, la Perricciolo non ammette del tutto l’inesistenza di Mark Caltagirone. Esiste un tale Marco arrivato nel ristorante della manager qualche volta, con cui la Prati avrebbe iniziato a sentirsi, su Facebook. In realtà si tratta di un profilo fake, le cui password sono gelosamente custodite dalla Prati stessa.

Pamela Prati Pamela Perricciolo intervista | Mark non esiste

Poi Lucarelli la incalza: “Penso che tu ed Eliana gestivate qualche profilo fake, vi divertivate a giocare con identità false. Poi quando avete incrociato Pamela Prati la cosa vi sia sfuggita di mano”. Lei tentenna, pensa alla “figura di merda” che farebbe ammettendo tutto.

Hanno creato il personaggio dell’anno, con tanto di merchandising. Ma Pamela Prati è una vittima? “Non lo so con chi chattava, diceva bugie anche a me sul fatto che incontrava questo Mark. Poi io lo sapevo che Pamela era consapevole, il profilo di Mark lo gestiva lei, la password di Mark le ha Pamela. A un certo punto ha visto che poteva guadagnare e non si è più fermata”, dice Perricciolo svuotando il sacco.

Ora la “Donna Pamela” afferma di dire tutta la verità agli avvocati: “Farò un comunicato a Dagospia, ai giornali, io dico che abbiamo cazzeggiato con le password, ma le altre non lo diranno mai”.

“È stato tutto un gioco”, ammette. “Inutile ora andare in tv a fare le vittime”, continua. Si sente più “libera” ora che ha confessato tutto, pronta a ricominciare la sua vita a Zanzibar, lontana dal Pamela Prati, Eliana Michelazzo e dal fantasma di Mark Caltagirone.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.