Kenya, peto in parlamento: seduta sospesa per l’odore insopportabile

Il curioso episodio nell'assemblea regionale di Homa Bay

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 9 Ago. 2019 alle 18:15 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:05
0
Immagine di copertina
Seduta sospesa nel parlamento regionale di Homa Bay. Credit: Shutterstock

Kenya, seduta del parlamento sospesa per un peto

In un parlamento locale del Kenya è stata sospesa la seduta a causa del cattivo odore provocato dal peto di un consigliere. Sembra l’inizio di una barzelletta, ma è tutto vero. Lo riferiscono alcuni media internazionali, tra cui la Bbc e il Washington Post.

Durante un acceso dibattito sulle piazzole di un mercato nel parlamento regionale della contea di Homa Bay,  i consiglieri presenti in aula hanno improvvisamente avvertito un forte odore. Tanto forte che uno di loro è sbottato contro un collega, indicandolo: “Onorevoli parlamentari, uno di noi ha inquinato l’aria e io so chi è stato”. Il consigliere accusato di aver emesso il peto si è subito difeso: “Non sono stato io. Non posso fare una cosa del genere di fronte ai miei colleghi”, avrebbe detto.

Ne stava per nascere un aspro diverbio. Al che, il presidente dell’assemblea, Edwin Kakach, ha deciso di sospendere la seduta per una pausa e ha invitato i membri del parlamento locale a lasciare l’aula. “Non possiamo continuare a stare seduti in un ambiente che ha un cattivo odore”, avrebbe commentato.

Sembra che Kakach abbia anche chiesto ai funzionari di portare deodoranti per ambiente “per rendere l’aria piacevole”. “Prendetene di uno in un ufficio, di qualsiasi fragranza lo troverete: vaniglia o fragola”, avrebbe detto il presidente.

I funzionari del parlamento hanno quindi recuperato un deodorante spray per rinfrescare l’aria e, una volta spruzzatolo, l’odore ha lasciato l’aula consentendo la ripresa del dibattito.

Rovina il matrimonio del fratello con un peto: “Ora mia cognata mi odia”

Sposa defeca nell’abito da 12mila dollari nel giorno del suo matrimonio

Le cola lo smalto per le unghie sui leggins: 11enne gravemente ustionata

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.