Me
HomeGossip

Pesanti insulti a Gerry Scotti sul web, il conduttore preso di mira dagli haters

Di Marco Nepi
Pubblicato il 15 Lug. 2019 alle 08:36 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:18
Immagine di copertina
Gerry Scotti

Gerry Scotti nel mirino degli haters. Il conduttore di Miradolo Terme è stato vittima di insulti sui social, dove alcuni utenti lo hanno definito “ciccione“, augurandosi che sparisse.

Tutto nasce in seguito all’eliminazione di Nicolò Scalfi da Caduta Libera, diversi giorni fa. Proprio come il presentatore, anche il campione del programma è stato infatti vittima di insulti sui social network, dove alcuni utenti gli hanno affibbiato il nomignolo di “nano malefico”.

Gerry Scotti attacca Fedez: la sua frase al veleno sul rapper diventa virale

“Il nano malefico è sparito, peccato che non se ne vada anche il ciccione”, hanno commentato alcuni utenti.

“Sparisci, ciccione”: Gerry Scotti vittima di insulti per la conduzione di Caduta Libera

Nicolò Scalfi è stato eliminato da Caduta Libera dopo ben 87 puntate e ha lasciato il programma portando a casa la “modica” cifra di 700 mila euro. Quando il 20enne bresciano ha lasciato Caduta Libera Gerry Scotti non è riuscito a trattenere qualche lacrima (del resto, il conduttore è solito affezionarsi ai concorrenti di lunga data).

Gli insulti degli haters non si sono però concentrati solo sull’aspetto fisico del conduttore e del concorrente, ma anche sullo show, tacciato di essere truccato. Sulla pagina Instagram di Caduta Libera, un utente ha accusato Gerry Scotti di aver favorito Scalfi  e di averlo fatto vincere nel gioco finale dei 10 passi.

Incidente per il figlio di Gerry Scotti: trasportato d’urgenza in ospedale ed operato

gerry scotti insulti ciccione
Caduta Libera, Instagram

“Incomincia un’altra truffa- scrive qualcuno sulla pagina Instagram di Caduta Libera- Rubato le vite e poi vinto i 10 passi con suggerimenti del ciccione”

Resta da vedere se arriverà la replica dei diretti interessati

Gerry Scotti parla dell’incidente di suo figlio: “La paura più grande della mia vita”