Covid ultime 24h
casi +16.377
deceduti +672
tamponi +130.524
terapie intensive -9

Le rare foto a colori dei raduni nazisti scattate dal fotografo personale di Hitler

Adolf Hitler aveva un fotografo personale, Hugo Jaeger, che fece largo uso di pellicole a colori per documentare l'ascesa del nazismo in Germania negli anni Trenta

Di TPI
Pubblicato il 12 Mar. 2017 alle 19:47 Aggiornato il 12 Mar. 2018 alle 13:07
533

La maggior parte di noi è abituata a pensare all’ascesa del nazismo e alla Seconda guerra mondiale come a eventi “in bianco e nero”, perché, seppur evidentemente svoltisi a colori nella realtà, le raffigurazioni che ne abbiamo, tramite foto e filmati, sono quasi esclusivamente in quella fascia cromatica.

Non molti sanno però che Adolf Hitler aveva un fotografo personale chiamato Hugo Jaeger, che fece largo uso di pellicole a colori per documentare l’ascesa del nazismo in Germania negli anni Trenta e poi nel corso della Seconda guerra mondiale, cosa che allora era molto poco comune.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Alla fine della guerra, Jaeger seppellì le foto di questa gallery in dodici barattoli di vetro sigillati nei pressi di Monaco di Baviera, e li recuperò solo molti anni dopo, nel 1955. Dieci anni più tardi, vendette le foto alla rivista Life.

Con i loro toni accesi e l’anomali di vedere questo genere di immagini con i loro colori reali, le sue foto danno un’inquietante idea del fasto che circondava ogni evento dell’epoca e sembrano rendere ancora più reale e tangibile quel periodo oscuro dell’umanità.

– Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

533
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.